Utente 139XXX
Gentile professore mio marito tramite tac ha scoperto di avere dei linfonodi a livello del medistino uno che preme sulla trachea è grande 6 cm. Sotto tac con l'ago aspirato si è cercato di prendere un pezzetto per effettuare la biopsia, ma sfortunatamente la quantità di tessuto asportato non è stato sufficiente per fare una diagnosi. Ora si parla di intervento chirurgico per prelevare un pezzetto di tessuto, secondo lei non si può fare diversamente? Mio marito ,è "sfortunatello" 23 anni fa ha avuto l'asportazione della tiroide per noduli di natura carcinoma che aveva sotto la mandibola. In questi anno ha effettuato tutti i controlli di routin e non vi erano problemi secondo lei questi noduli potrebbero essere di natura tiroidea?.
I sintomi che ha oggi mio marito sono febbricola la sera, dolore alla spalla tipo reumatico e adesso una pesantezza a livello dello sterno e tosse. A novembre del 2005 ha avuto una polmonite guarita e dalle radiografie effettuate allora non si evince nessumn linfonodo ingrossato.
Inoltre vorrei un suo consiglio se è meglio effettuare una tac con contrasto o una Pet.Mio marito è nato il 21/03/1953.
La ringrazio per l'attenzione e le invio un cordiale saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Cara Utente,

Direi che il primo passo da fare è eseguire una TC con mezzo di contrasto, la quale a mio parere è il modo più semplice per poter iniziare una diagnosi. La TC potrebbe segnalare anche un' altra area dove poter fare più agevolmente una biopsia. La biopsia è necessaria per poter stabilire la natura della malattia...Io comunque concetrerei la mia attenzione sul polmone.

Molto cordialmente e con i migliori auguri

Dr. Carlo Pastore
[#2] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2006
Gentile Dr Carlo Pastore
Alcuni giorni or sono Lei ha consigliato una tac che ha evidenziato una massa di linfonodi di circa 12 cm intorno alla trachea ed un linfonodo vicino al collo di dimesioni più piccole per avere la certezza si è effettuato l'intervento chirurgico per asportare una piccola quantità di tessuto dalla massa di linfonodi più grandi tutto è al livello del mediastino e la diagnosi fatta dal prof Oscar Nappi anatopatologo del Cardarelli di Napoli è la seguente:
"Alcuni frammenti, costituiti in gran parte da materiale necrotico-infiammatorio, nel cui contesto si osserva una popolazione di grandi cellule a pattern di crescita diffuso.
La caratterizzazione immunoistochimica ha evidenziato: CD20+, PanCK-,CD30-,CD3-.
Il reperto è riferibile a Linfoma diffuso, a grandi cellule, mediastinico, ad immunofentipo B (WHO 2004).
Cosa ci consiglia? Abbiamo capito che in questo caso il tempo e d'oro. Fra l'intervento è la dignosi sono trascorse già tre settimane. Abitimo a Napoli, saprebbe indicarci un centro idoneo per effettuare una terapia idonea per combattere questo tipo di linfoma. Sa se c'è un centro specializzato nei linfomi anche in un'altra regione non ci sono problemi. Secondo Lei ci sono possibilità di guarigione.Nel polmone non si è evidenziato nulla. La dignosi è stata fatta oggi 26/05/06
La ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Signora,

Questo tipo di linfoma rappresenta la maggior parte delle diagnosi di linfoma che vengono poste nell'adulto (quanti anni ha suo marito?). Deve essere certamente trattato con un protocollo di polichemioterapia e radioterapia sequenziale. Sia fiduciosa perchè un trattamento ben fatto può dare ottimi risultati. Nella sua regione non saprei consigliarla ma qui a Roma senz'altro spicca il centro di ematologia ed oncoematologia dell'Università La Sapienza, diretto dal Prof. Mandelli.

Con i migliori auguri ed a disposizione per ulteriori chiarimenti,

porgo cordialissimi saluti

Dr. Carlo Pastore