Utente 995XXX
Buongiorno
Mi chiamo ENZO H0 36 anni e volevo avere un vostro parere in merito ai risultati dello spermiogramma effettuato il 02.02.2008 dopo 5 giorni di astinenza:

- VOLUME 2,5 ml;
- pH 7,5;
- Aspetto Proprio;
- Viscosità Nei limiti;
- Tempo di Fluidificazione Fisiologica;
- N.spermatozoi 90 milioni;
- N.spermatozoi/eiaculato 225 milioni;
MOTILITA' NEMASPERMICA MOTILITA' NEMASPERMICA
1 ORA 40%; 2 ORA 30%
velocemente progressiva 20%; 15%
lentamente progressiva 20%; 15%
discinetica 30%; 30%
in loco 30%; 40%
MORFOLOGIA NEASPERMICA
Forme tipiche 60%
Forme atipiche 35%
Forme giovanili 5%
Leucociti ALCUNI
Cellule epiteliali ASSENTI
Cellule Germinali DIVERSE
Zone di spermioagglutinazione ASSENTI

Vi ringrazio anticipatamete della Vostra Attenzione e della Vostra Disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Gallo
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile signore

Dallo spermiogramma che ci riporta si rileva che esistono dei problemi relativi alla motilità degli spermatozoi (astenozoospermia).
Gli altri parametri sono nella norma.
Le consiglio di effettuare una visita presso un esperto urologo-andrologo al fine di valutare possibili cause e fattori predisponenti alla base della suddetta alterazione.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
lo spermiogramma è una indagine che va collocata nel quadro complessivo clinico della persona. Nello specifico: quale è il motivo per cui ha fatto lo spermiogramma? Ci può dare dei dettagli in merito?
[#3] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
HO EFFETTUATO LO SPERMIOGRAMMA IN QUANTO E' DA QUALCHE MESE (8 MESI) CHE STO PROVANDO AD AVERE UN BAMBINO INOLTRE HO EFFETTUATO ANCHE UNA ECOGRAFIA ALLA ZONA SCROTALE OVE NN SI EVIDENZIANO PARTICOLARI PROBLEMATICHE AD ECCETTO DI:
- A sinistra si segnala formazione cistica ovolare della coda dell'epididimo di 18x11x9 mm;
- Sempre a snistra si conferma lieve ectasia venosa del plesso pampiniforme con calibro vascolare di 2mm e lieve positività alla manovra di Valsalva per varicocele 1° Stadio;
- spessore testicolo dx : 22mm;
- spessore testicolo sx : 21mm.

Vi ringrazio anticipatamente della Vostra disponibilità e della Vostra Cortese risposta.
[#4] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
GRAZIE PER LA PRIMA RISPOSTA ALLA MIA PRIMA E-MAIL MA VI CHIEDO SE VI E' POSSIBILE DI VISIONARE GLI ALTRI DATI
CHE VI HO FORNITO DOPO LA VOSTRA RISPOSTA
VI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER LA VOSTRA CORTESE ATTENZIONE E DISPONIBILITA'
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

purtroppo da quello che ci invia possiamo pensare forse alla presenza di un varicocele e/o di altri problemi "anatomici" ma quadri clinici particolari e complessi come il suo non possono essere risolti tramite una e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta prima di capire il problema e poi impostare le necessarie strategie terapeutiche.

A questo punto potrebbe essere utile una attenta valutazione clinica da parte di un andrologo con specialità in patologia della riproduzione umana.

Se desidera poi avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una infertilità di coppia, può leggere anche l’articolo pubblicato dalla collega Chelo sul nostro sito e visibile all’indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=52214.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#6] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
grazie
per la VOSTRA DISPONIBILITA'
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

dopo aver fatto la rivalutazione del suo "problema" con un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana poi ci tenga comunque aggiornati sui suoi futuri passi per capire e/ trattare la sua attuale situazione clinica, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
grazie
adesso ho prenotato un eco-doppler scrotale per valutare meglio la mia situazione in merito alla varicocele e alla formazione cistica che e stata rilevata dalla ecogafia, che Voi sappiate la formazione cistica puo portare a dei problemi relativi alla motilità?????
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

sulla sua formazione cistica a livello della coda dell'epididimo difficile pensare che sia la causa di una riduzione della motilità dei suoi spermatozoi ma, mai dire mai, ed aspettiamo quindi la valutazione clinica in diretta del suo andrologo, esperto in patologia della riproduzione umana.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#10] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora per la risposta,Vi farò sapere appena ho l'esito dell'ecod-doppler.Cordiali saluti.
[#11] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore,
ho fissato un appuntamento con l'andrologo,in attesa dell'esito mi potrebbe dire quale potrebbe essere la causa della lenta motilità degli spermatozoi?
Vi ringrazio anticipatamente.
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le cause di una astenozoospermia (lenta motilità degli spermatozoi) possono essere veramente numerose e ci vorrebbero almeno 10 trattati di andrologia e numerosi articoli di "settore" per spiegarle il tutto in modo corretto.

Se desidera comunque avere più informazioni su questo tema potrebbe essere utile leggere il manuale, scritto dalla dra Elisabetta Chelo, "Quando i figli non arrivano", CIC edizioni internazionali, Roma, oppure il bel libro di Pier Luigi Righetti e Serena Luisi "La procreazione assistita" Bollati Boringhieri editore srl, Torino.

Infine ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che può essere alla base di una alterazione del liquido seminale le può trovare anche nell’articolo pubblicato dalla collega Chelo sempre sul nostro sito e visibile all’indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=52214

Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#13] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora,i Vostri consigli sono davvero utili.Appena ho l'esito dell'eco-doppler,Vi ricontatto.Un cordiale saluto.