Utente 283XXX
Salve dottori..volevo esporvi il mio problema:
da circa un anno ormai mi porto dietro problemi infettivi, circa un anno fa ho contratto la candida e da li in poi per diversi mesi e nonostante le numerose cure,ce la siamo passata io ed il mio partner ripetutamente...tutt'oggi sembra essere debellata(cura + preservativo + lavaggio degli indumenti con amuchina)..lei è guarita(conferma anche con il tampone)..ed io ancora ho un problema, leggerissimi bruciori e un pò di ammassi biancastri che compaiono a distanza di 2 giorni dal non lavaggio del mio pene, e solo nella zona del prepuzio associati anche a arrossamenti del prepuzio...ho fatto tampone uretrale e prepuziale di tutti i batteri, virus e miceti che posson portare a infezione genitale..i quali a livello prepuziale hanno riscontrato tracce di enterococcus faecalis..con relativo antibiogramma che vi elenco:
ANTIBIOGRAMMA MIC 1
ciprofloxacina <=0,5 S
clindamicina >=8 R
eritromicina 2 I
levofloxacin 0,5 S
moxifloxacin <=0,25 S
norfloxacina 2 S
chinupristin/dalfopr 4 R
teicoplanina <=0,5 S
tetraciclina >=16 R
trimetoprim/sulfam. <=10 R
vancomicina 2 S
nitrofurantoin <=16 S

la mia dottoressa che è anche dermatologa mi ha detto che nulla nelle analisi risulta determinante per fare una cura..e continua a sostenere la normalità dei test e la possibilità di una mia allergia al lattice...cosa che io vedo molto improbabile..visto le perdite biancastre..detto ciò..mi auguro che non mancheranno + pareri possibili..almeno cercherò di eliminare sta croce che mi porto dietro ormai da un anno!

Vi ringrazio anticipatamente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Gallo
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile signore

E' impossibile valutare la presenza di una infezione senza accertamenti diretti.
Gli esami batteriologici, come quello da lei svolto, possono risultare erroneamente falsi positivi se il capione prelevato viene contaminato da batteri non patogeni che dimorano normalmente sulla cute di individui sani.
Il mio consiglio è quello di seguire le direttive della collega che la sta seguendo che meglio di qualsiasi altro la potrà aiutare.
Se vuole avere un altro parere le consgilio una visita presso un esperto urologo - andrologo nella sua città.
[#2] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2007
ma io non sono di Napoli...
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, il suo post viene da Roma, città ancora più grande di Napoli