Utente 618XXX
salve,
spero possiate aiutarmi,
parto dicendo che sono disperata, sto male da un anno, ma peggioro sempre fino ad arrivare a questi giorni in cui sento il mio organismo in tilt.
mi spiego, ho già chiesto anche molti consulti sperando in un aiuto, ma nulla mi sento ripetere che è ansia.
dunque tra vari sintomi che mi porto da tanto, troppo, vi dico direttamente la mia situazione attuale:
partendo dal basso
mal di gambe, linfonodi doloranti nell'inguine, una sorta di cistite, e da due giorni diarrea, fatica nel respirare e gola arrossata da 35 giorni sensa miglioramento, senso di gonfiore sotto il mento, nausea continua, fastidio agli occhi,cioè vedo, ma come se avessi fastidio, in certi momenti e alla luce e come se avessi confusione, cerchio alla testa, instabilità, capogiri, fitte alle tempie, orecchio che ogni tanto si ottura e si stura, come quando si sale e si scende dalla montagna, senso di debolezza molto forte, affanno anche se parlo, e fatica nel respirare, mi sento come se svenissi ogni secondo, e un malessere cosi forte che in alcuni momenti mi sento morire.
vi prego di cuore di aiutarmi, io sto sempre peggio, ma nessuno sembra prendermi sul serio, solo mia madre, da vari accertamenti non esce nulla e quindi per loro non ho nulla, ma ve lo giuro, ve lo giuro con il cuore sono disperata, cosi male non c'ero mai stata, e questo mi sta facendo tremare, conosco il mio corpo, e so bene che c'è qualcosa che non va, ma non trovo nessuno che capisca cosa ho, se potete vi prego di cuore di aiutarmi, non ce la faccio più sono al limite, è un anno che giro, ma avevo solo alcuni sintomi, principalmente la testa, da due settimane, non capisco cosa sia successo.
grazie mille
[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
sono convinto che i suoi disturbi siano reali ma, come nella maggior parte delle patologie nelle fasi inziali, questi non rientrano ancora nella definizione di alcuna malattia nota e gli esami diagnostici, strumentali o di laboratorio, sono ancora nella norma.

Questo vuol dire che il suo disturbo è ancora alle fasi inziali ed ha origini profonde (stress psicofisico, problemi affettivi, emotività ecc) ed è così che andrebbe inquadrato, sicuramente non va ignorato.
Il suo organismo le sta mandando dei segnali che forse solo l'omeopatia può al meglio valorizzare. Questo poichè l'omeopatia può intervenire anche quando la diagnosi di malattia, secondo le definizioni ufficiali, non è ancora ben definita.
Sono convinto che la giusta cura omeopatica, che mira proprio al "terreno" della persona, potrà impedire che i suoi disturbi evolvano in qualcosa di più importante e la aiuterà a risolvere i suoi problemi.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 618XXX

Iscritto dal 2008
grazie mille per aver risposto subito Dott. Ascani,
ma cosa intende è ancora in una fase iniziale?
io sono quasi due anni che sto cosi e peggioro sempre più, io non voglio mi venga qualcosa di serio (sempre che non l'abbia già).
cosa posso fare esattamente?
sono di napoli a chi posso rivolgermi?
grazie ancora
[#3] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
mio scopo non era farla preoccupare, al contrario, le sto dicendo che quasi ogni malattia passa per una fase iniziale in cui i sintomi sono vaghi e mal definiti e gli esami diagnostici non rilevano nulla. Significa che molto probabilmente lei non ha nulla di serio ma che non bisogna neanche ignorare questi suoi disturbi e una visita omeopatica, che riporti al più presto l'equilibrio, sarebbe indicata.

A Napoli c'è una Scuola di omeopatia, la LUIMO, dove potrà trovare certamente medici competenti, altrimenti provi a fare una ricerca per città, tra i medici di questo sito che praticano le medicine non convenzionali.

Cordiali saluti