Utente 996XXX
Gentili dottori, è da un po che ho problemi di erezione; ho circa 50 anni però prima di qualche mese fa non avevo di questi problemi. Anche con la partner non riesco a raggiunere l'erezione anche se riesco ad eiaculare. Sono in terapia interferonica con ribavirina. Non ho rapporti con mia moglie da circa sei mesi e neanche riesco a raggiungere l'erezione. Vorrei avere un consiglio da Voi su come comportarmi. Volevo aggiungere che qualche volta ho fatto uso di Viagra ed ha funzionato benissimo. Accuso dei bruciori quando urino e dei dolori all'ano, probabilmente dovuti alla terapia che seguo. All'ultima risonanza magnatica all'addome fatta fine gennaio 2009 la prostata è risultata ingrossata. Posso fare qualche cosa senza intaccare la terapia che seguo??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

penso che lei meriti una valutazione adeguata che comprenda: colloquio clinico, valutazione dei suoi esami, visita, per poter inquadrare il suo problema. E capire se ci sono accertamenti da fare, se la sua difficoltà di erezione può rientrare, o se è necessario di avvalersi (e come) di farmaci del tipo Viagra.
Consulti quindi un Andrologo, gli porti tutta la documentazione che ha relativamente alla sua salute, ed eviti il fai-da-te.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
non mi consta che interferon abbia una qualche attività sul sistemma erettile. In ogni caso direi che è da valutare tutto il quadro generale, poichè l' erezione ed il suo deficit dipendono da ormoni, circolazione, metabolismo e stato ansioso. Particolare attenzione la dedicherei al tratto genito-urinario inferiore (prostata- uretra) per la presenza di sintomi che possono far pensare ad infiammazione.
Una visita da collega è quindi di rigore