Utente 909XXX
qualche giorno fà il mio medico di base mi ha prescritto delle analisi del sangue che devo eseguire necessariamente; purtroppo però soffro di belenofobia, la cosidetta paura degli aghi fin da bambino e non sò proprio come poter fare. Infatti ogni qual volta devo fare delle analisi perdo sempre i sensi, a volte addirittura durante il prelievo cadendo a terra, con tutte le pericolose conseguenze del caso. Il mio medico di base mi ha consigliato di chiedere un consulto ad un anestesista sull'esistenza di possibili metodi per affrontare il problema, grazie,
cortesi saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Esagerato il suo Medico! Addirittura un Anestesista-Rianimatore...
Scherzo, non me ne abbia. Dunque come tutte le fobie penso che se queste creino una situazione di disagio possa se mai chiedere un aiuto a uno psicologo, magari usando questo stesso sito.
Ma visto che il prelievo è imminente e consideriamo quindi che ha bisogno di un piccolo prontosoccorso suggerirei di prendere qualche goccia di ansiolitico una/due ore prima del prelievo( anche se deve essere a stomaco vuoto). Il prelievo va fatto rigorosamente da sdraiato e possibilmente in ambiente tranquillo, quindi deve informare del problema il personale che lo effettuerà in modo da adottare tutte le precauzioni.
Pertanto la rimando al suo curante per la prescrizione dell'ansiolitico che riterrà più opportuno (non potendo ovviamente farlo io via web!)
Direi che non vi siano altre indicazioni, cordialmente
[#2] dopo  


dal 2013
Spett. Dott. Stelio ALVINO, ho avuto modo di provare come lei ha detto, ovvero disteso su di un lettino (senza usare ansiolitici però), ma nonostante la mia determinazione, purtroppo non appena è entrato l'ago ho perso senza preavviso i sensi, ed ho avuto un brusco movimento del braccio all'insù che avrebbe potuto portare a delle conseguenze se l'operatore non avesse prontamente tolto la siringa...adesso sono reintenzionato a provarci, però consultandomi con un medico, mi è stato detto che se oltre ad essere disteso sul lettino ci fosse qualcuno che mi tenesse le gambe alzate, non potendo mancare l'afflusso di sangue al cervello, la crisi vaso-vagale sarebbe impossibile anche in caso di forte ansia ed agitazione, lei concorda? qualora ritiene che non sia sufficiente per il mio caso, l'uso di ansiolitici, può in qualche modo "falsare" qualche valore importante?
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buongiorno, guardi non vedo perchè debba "soffrire" così, potrebbe provare ad effettuare il prelievo con una buona sedazione per os con benzodiazepine prescritte dal suo curante. Non ritengo che semplicemente alzando le gambe il suo stato emozionale non arrivi comunque a scatenere una crisi vagale. Va bene alzare le gambe ma quando la crisi è sopraggiunta, non per prevenirla!
Anche effettuando dei movimenti inconsulti in realtà non succede poi nulla salvo che l'operatore non si punga accidentalmente.
L'assunzione di ansiolitici non altera alcun dato di laboratorio.
saluti