Utente 100XXX
salve sono un ragazo di 34 anni operato nel 1974 al s.camillo di roma per trilogia di fallot.Eseguo annualmente dei controlli e dallecocardiogramma risulta un lieve aneurisma del setto interatriale.Ora non sapendo se è residua da intervento o cosa nuova,vorrei sapere cosa comporta il termine aneurisma e cosa devo fare.E'

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, ritengo che la sua domanda finale fosse quella di sapere se la sua condizione è pericolosa o meno.
L'aneurisma del setto interatriale non accompagnato a shunt, cioè ad anomala comunicazione tra i due atri è condizione innocente, tale da non meritare particolare interesse nè clinico nè tantomeno chirurgico.
Cordialmenente,
[#2] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
grazie dott.martino per la rassicurazione,ho prenotato un ecocardio transesofageo,da quest esame si puo accertare se cè uno shunt o una possibile re-stenosi?in tal caso mi dovrei rioperare?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
L'ecocardiogramma trnsesofageo è senz'alcun dubbio l'esame principe per evidenziare eventuali shunt o stenosi residue. In base a quanto da lei riportato escluderei del tutto la possibilità di un reintervento, ma la sicurezza totale si avrà ovviamente solo con l'esame sopracitato.
Auguri