Utente 100XXX
Mio figlio ha 17 anni, alto 1,88, peso 85 kg. ed ha un pene piccolo (cm 6, ed in erezione 10). Questa cosa gli sta procurando molti problemi con i coetanei e con le ragazze e lui è molto depresso. L'ho portato da un urologo che ci ha confermato lo sviluppo normale dei testicoli e degli altri caratteri sessuali secondari, ma per le dimensioni ci ha consigliato di accettare la situazionecosì come è. Io,invece, vorrei aiutarlo a risolvere questo problema, se sarà possibile. Potreste darmi un consiglio? E' effettivamente possibile ingrandire il pene per arrivare a dimensioni più standard? Ci sono solo terapie chirurgiche o possiamo intervenire farmacologicamente?
Aspetto una risposta, grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la terapia farmacologica non serve a niente. Le terapie chirurgiche ci sono va vanno attentamente valutate da andrologo e da psicologo esperto.
[#2] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta. Da quando mi ha parlato del suo problema giro su internet e leggo molti consigli: qualcuno suggerisce terapie farmacologiche quando non si sia ancora adulti, altri i tensori (che sembrano avere una certa logica di buon senso), a poi infine le chirurgia.
Visto le dimensioni di mio figlio penso proprio che dobbiamo fare qualcosa. Lei mi può consigliare un bravo andrologo su Milano?
grazie ancora,

[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un buon servizio di andrologia lo potrà trovare all'ospedale san Paolo di Milano
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Signora,non ci ha detto se l'andrologo di riferimento ha avallato la valutazione di micropene.Ho la sensazione che abbia ritenuto normali le dimensioni del pene di Suo figlio...per cui diffidi di pericolose banalizzazioni (estensori,pomate etc.) che possono creare danni e segua il consiglio di ricorrere ad un esperto andrologo,abbandonando,per un pò di tempo,la rete.Cordialità.
[#5] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno,
grazie per i vs. commenti. L'andrologo che abbiamo consultato ha definito la situazione come pene piccolo.
Mi informerò per un altro consulto all'ospedale di san Paolo come suggerito.

saluti
[#6] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Cara signora per un ragazzo di 17 anni è a mio parere improponibile una chirurgia sul pene. Ritengo invece molto utile che il ragazzo possa confrontarsi con un buon urologo/andrologo che sappia spiegargli come gestire al meglio la sua vita sessuale sfruttando la funzione piuttosto che fissarsi sulle dimensioni.
Ricordo infine che lo sviluppo completo dell'adolescente maschio avviene fino ai 19 anni.
Diffidate di dispositivi estensori o presunte cure farmacologiche che hanno un valore puramente commerciale.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

anch'io mi associo alla corretta indicazione di far valutare il ragazzo ad un esperto andrologo .

Da quello che ci scrive mi sembra che fino ad ora il giovane è stato valutato solo in ambito urologico senza neppure avere fatto una attenta e completa indagine ad esempio del suo quadro ormonale.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il problema delle dimensioni del pene può essere un importante problema per un ragazzo adolescente che si deve confrontare con gli amici in palestra o negli spogliatoti e con le ragazze per le prime esperienze ( spesso cariche di ansia) sessuali.
Spesso esiste anche la preoccupazione del padre che aggiunge ansia invece che moderarla !!
Credo opportuna una visita da parte di uno specialista che sappia valutare le effettive dimensioni del pene e sappia riassicurare suo figlio circa la effettiva possibilità di avere una vita sessualmente gradevole e gratificante anche con un pene non particolarmente sviluppato in senso dimensionale.
non pensi alle soluzioni prima di verificare "serenamente" il problema.
Una volta si diceva "non mettere il carro davanti ai buoi".
Cari saluti

[#9] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
buongiorno,

grazie per le informazioni.

abbiamo fissato un appuntamento con un andrologo.

saluti,
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Faccia sapere se vuole.
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

se lo desidera , poi ci tenga informati sugli eventuali e futuri sviluppi del problema clinico di suo figlio.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com