Utente 100XXX
Salve, il mio problema si verifica dopo che ho passato un momento in intimità con la mia ragazza. In quel momento io raggiungo un certo stato di eccitazione, senza però eiaculare. Quando ci fermiamo lì, dopo mezzora inizia a colpirmi un dolore acutissimo nella zona bassa della pancia, sopra all'"attaccatura della gamba" sx. Inoltre il dolore è anche ai testicoli e nella zona situata tra testicoli e ano. Il dolore persiste e non ha rimedio. L'unico modo che ho per farlo passare è raggiungere l'eiaculazione, dopo di che il dolore passa. Saprebbe darmi una spiegazione sul perchè questo dolore mi colpisce ogni volta in cui raggiungo uno stato di eccitazione senza però raggiungere l'eiaculazione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la sua situazione è classicamente descritta nei libri di testo di medicina come "colica del fidanzato". E' una normale risposta fisica auna forte eccitazione sessuale nel cui coso le ghiandole sessuali producono secrezioni che contribuiscono alla formazione dello sperma. Se a questa produzione non fa seguito eiaculazione, si ha di fatto una congestione a livello pelvico, con dolori descritti come "colica".
Non c'è nessun provvedimento medico da intraprendere, si tratta semplicemente di dar esito alla eccitazione sessuale...con l'eiaculazione.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

quella da lei descritta è la normale manifestazione fisiologica che si "scatena" a seguito di una stimolazione sessuale che ha determinato una congestione delle vie seminali.

Se questa non è seguita dalla fuoriuscita del liquido seminale, con l'eiaculazione, si possono verificare i "disturbi" da lei lamentati.

Chieda comunque ulteriori informazioni più precise al suo andrologo di fiducia.

Impari a "conoscersi" come fanno le sue compagne e le donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscevano il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com