Utente 483XXX
Gentili dottori,
è da circa un anno e mezzo che soffro di ernia iatale e reflusso gastrico, tale patologia mi porta ad avere, spesso, piccoli dolori toracici e alla schiena, premetto che sono già in cura presso un gastroenterologo e, un anno fa, mi sono sottoposto ad una gastroscopia che ha evidenziato esofagite ed ernia iatale. attualmente sto assumendo omeprazolo 20 mg mattino e sera e levopraid a pranzo e cena, nonostante la cura continuo ad avere dei piccoli problemi, tra cui questi doloretti al petto (al centro dello sterno, leggermente a sinistra) e, a volte, alla schiena (nello stesso punto che ho descritto sopra, ma proiettato sulla sciena). Quello che mi preoccupa è la modalità di insorgenza di tali dolori, che si manifestano anche durante l'attività fisica. Premetto che io ho sempre praticato il fitness senza problemi, ma da quando ho avuto problemi allo stomaco ho iniziato a d accusare questi fastidi solo e soltanto dopo 5-10 min. di corsa sul tappeto, la cosa strana e che tutte le altre attività aerobiche, nonostante mi portino alla stessa frequenza cardiaca, non mi portano al cun tipo di problema, solo la corsa mi fa insorgere il dolore/fastidio al petto, che poi svanisce alcuni minuti dopo che ho smesso l'attività. Durante l'ultimo anno mi sono sotto posto ad ECG, ECG da sforzo,enzimi cardiaci (durante il dolore) e ho controllato ghi ormoni tiroidei. Ho descritto questa situazione al gastroenterologo e lui, per escludere definitivamente problemi cardiaci mi ha consigliato di sottopormi ad un ecocardiogramma.
volevo sapere se tale esame, sommato a quelli che ho già effettuato, potesse escludere definitivamente problemi cardiaci, inoltre, volevo sapere a quale tipo di esame dovrei sottopormi: ecocardiogramma normale o doppler?
Mi scuso se sono stato troppo prolisso e vi ringrazio anticipatamente per la cortese risposta.

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,l'ecocardio è un utile completamento delle indagini cliniche;se ecg,ecg da sforzo ed ecocardio risultano nella norma,non ha alcun motivo di preoccuparsi per patologie cardiache a carattere ischemico(che già risultano improbabili comunque alla sua giovane età);probabilmente la situazione relativa al problema della pirosi non è ben controllato e andrebbe la pena istituire una terapia più potenziata.
Le specifico che per ecocardiogramma si intende ecoardiogramma color doppler e quindi è la stessa cosa.
Cordialmente
dr.Annoni
[#2] dopo  
Utente 483XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dottore,
la ringrazio per la sollecitudine della sua risposta. Farò per sicurezza l'ecocardiogramma e le farò sapere il risultato.

Cordiali saluti