Utente 337XXX
Buongiorno,
vi scrivo per un consiglio. E' un paio di anni che soffro di dermatite perianale e premetto che faccio un lavoro sedentario.
La prima volta che mi è capitata mi era stata diagnosticata da un dermatologo dell'ospedale una orticaria in atopica (peggiorata evidentemente dalle pomate prescrittemi dai medici precedenti) e quindi una cura con cortisone e antistamici.
La seconda volta che mi si è ripresentata dopo un anno soffrendo ancora di prurito anale e un interessamento pure dell'scroto, sotto consiglio del dermatologo ho eseguito i patch-test. Difatti sono risultato positivo al nichel e ad degli alcoli della lanolina (Amerchol L101). Saputo questo ho eleminato qualsiasi tipo di crema (compresa pasta fissan) e sto utilizzado un sapone specifico di marsiglia senza profumi e sali. Inoltre gli slip che indosso sono lavati solo con sapone di marsiglia senza l'utilizzo di ammorbidenti e detersivi.
Ora vorrei capire dove sta il problema perchè dopo una settimana il prurito non mi passa continua a peggiorare e non so più che fare..dove sto sbagliando?
E' possibile che ci sia qualche cosa di alimentare che possa scatenarmi questa irritazione, dovrei forse fare degli esami alimentari al riguardo?
Inoltre ho smesso di mangiare cioccolata e frutta secca per precauzione da due settimane.

Vi ringrazio anticipatamente per il consulto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

troppe sono le ipotesi diagnostiche e tutte dissimili dalla descrizione che fa del suo caso; sappia che senza diagnosi non c'è terapia:
lei deve perseguire correttamente questo primo e fondamentale step: assieme al dermatologo (che possiede ogni mezzo per questa persecuzione) riuscirà a trovare la soluzione diangostica e quindi terapeutica.

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 337XXX

Iscritto dal 2007
Buon giorno dottore,
ma la diagnosi mi è stata fatta.. dermatite allergica da contatto perianale..mi è stato detto di prendere antistaminico ed evitare il contatto con le sostenze a cui io sn sensibile come risultato dal patch test. Volevo sapere se l'alimentazione è scatenante e se devo fare controlli in merito.
[#3] dopo  
Utente 337XXX

Iscritto dal 2007
Sono stato dal mio medico curante, mi ha dato un impegnativa per un gastroenterologo per degli accertamenti alimentari su reazione allergica perianale dovuti a nichel e lanolina. Vorrei capire sto perseguendo la strada giusta oppure dovrei andare da un dermatologo o un allergologo. Nel frattempo la mia situazione è di nuovo peggiorata..arrossamento anale e prurito soprattutto la mattina dopo la defecazione ed ora arrossamento di tutto lo scroto. Nel frattempo sto prendendo antistaminico da tre giorni per ridurre il prurito anche se gli arrossamenti aumentano invece che diminuire e crema al cortisone. Non so che fare gli accorgimenti per il nichel e l'amerchol li sto seguendo.. vorrei capire la causa di tutto ciò che aumenta progressivamente giorno per giorno e mi sta succedendo come la volta scorsa inzia nella zona anale poi guarisce ma si trasferisce a livello dei genitali ed infine sono costretto a prendere cortisonici per bocca.
Attendo un vostro parere!!