Utente 142XXX
mi capita spesso di avere lo scroto retratto con i testicoli nell'inguine, questo puo' essere un caso di testicoli rettrattili o no poiche' e' lo scroto a far salire i testicoli ?
in caso l'intervento di orchidopessi eviterebbe il movimento dello scroto ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore 14265,

qualche volta l'eccessiva contrazione della cute scrotale può portare ad un "innalzamento" dei testicoli
Se la cosa debba o meno essere corretta chirurgicamente lo si può stabilire solo dopo una attenta valutazione clinica
da parte di uno specialista
cari saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
cerchiamo di non generare confusione, altrimenti il 90% del genere maschile sulla terra avrebbe la sindrome del testicolo "in ascensore" :o)
Allora un fatto è la normale contrazione della tonaca muscolare della borsa scrotale (il muscolo si chiama dartos), un altro fatto è la risalita del testicolo verso e dentro l'orifizio inguinale esterno.
Gentile Utente,
Direi che questa definizione di per sè rende bene l'idea.
In altri termini il Suo testicolo risale in maniera abnorme verso l'alto in direzione del canale inguinale. Questa risalita può avvenire casualmente, dopo i più svariati stimoli o in determinate condizioni o posizioni (esposizione al freddo, alla guida della moto o dell'auto, durante il sonno, durante l'attività sportiva, durante l'atto sessuale). Le cause sono da scrivere almeno grossolanamente a tre condizioni:
1) particolare lassità o mancanza dei normali meccanismi anatomici di fissaggio del testicolo nello scroto.
2) un funicolo spermatico (il funicolo sospende il testicolo nello scroto) particolarmente breve.
3 Una ipertrofia (aumento di sviluppo) del muscolo cremastere che, già di norma, provvede al corretto movimento del testicolo nello scroto.
A parte il fastidio, che può divenire però notevole, il vero rischio è che muovendosi bruscamente, il testicolo vada incontro ad una sub-torsione o ad una torsione vera e propria. In questo caso il pericolo di perdere l'organo interessato è notevole, a meno di non riconoscere tempestivamente la complicanza ed intervenire chirurgicamente d'urgenza.
Allora non resta che escludere, con una visita clinica vera e non virtuale come quella che Le starei facendo io :o), l'esistenza o meno della suddetta sindrome.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO