Utente 101XXX
Gentile dottore,
sono un ragazzo di 20 anni e pratico da quasi 1 anno e mezzo il vaccino anti-acari sublinguale, prescrittomi dallo specialista data la persistenza di una forte rinocongiuntivite allergica, resistente a una varietà di antistaminici. Voglio precisare che a 3 anni ho scoperto di essere asmatico, in quanto allergico alla polvere, poi crescendo l'asma è man mano regredita (sono alcuni anni che è davvero un fatto del tutto sporadico), mentre verso i 16 anni è andata manifestandosi una fastidiosissima rino-congiuntivite e direi soprattutto congiuntivite (prurito agli occhi intenso e praticamente perpetuo, con palpebre sempre lievemente gonfie).Dopo 1 anno dall'inizio del trattamento col vaccino, così come mi era stato preannunciato, ho avuto un discreto miglioramento sintomatologico, mentre improvvisamente da 2 mesi senza che nulla sia cambiato nell'ambiente in cui vivo (ne tantomeno io abbia ridotto o sospeso l'abituale somministrazione tre volte a settimana del vaccino!!), sono improvvisamente regredito, ripresentando i sintomi con un'intensità pari quasi a prima di iniziare il trattamento. Mi chiedo dunque quale può essere la causa di questo ripresentarsi intenso dei sintomi di prurito a occhi e punta del naso.
Grazie per la cortese attenzione, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Purtroppo è molto difficile trattare l'allergia agli acari perchè siamo esposti sempre e quindi ci possono essere periodi di miglioramento e periodi di peggioramento. Può anche essere che sia allergico a qualcos'altro che si sovrappone e quindi non risponde al vaccino.
Conviene però proseguire e tirare le somme dopo 2 anni di trattamento perchè prima è troppo precoce.
Cordiali saluti.