Utente 101XXX
Gent.mo Dottore,
le chiedo la cortesia, se possibile, di fornirmi maggiori informazioni relative al prodotto omeopatico Galium Heel, oltre che ai modi e tempo di somministrazione.
In attesa di un Vs gentile riscontro Le invio i miei piu' cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
Galium Heel è un medicinale omotossicologico molto valido che mira a riattivare il metabolismo dei tessuti connettivi e delle cellule; opportunamente prescritto favorisce anche l'eliminazione delle sostanze tossiche dall'organismo.
Modi e tempi di somministrazione sono sempre successivi ad un'attenta visita medica.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Dottore,
la ringrazio inanzittutto per la solerte risposta. Mi permetto di fornirLe ulteriori informazioni sul perche' abbia cominciato a prendere Gallium Heel. Da moltissimi anni e ora per una mia sicurezza , visto che fortunatamente da quasi vent'anni non ho piu' problemi, prendo il Tegretol 400cr. Per questo motivo ho le transaminasi leggermente mosse e insieme al Cinariside con il consiglio del mio farmacista di fiducia ho deciso di prendere anche il Gallium per aiutare l'organismo a smaltire il farmaco e le tossine.
Secondo il suo parere faccio bene?
Grazie mille ancora.
[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Grazie a lei per la fiducia riposta in questo servizio.
Il consiglio del suo farmacista è sicuramente interessante.
Controlli periodicamente i valori della funzionalità epatica perchè qualora risultassero ancora alterati esistono molti medicinali omeopatici che possono ristabilirli.
Cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Dottore,
grazie e ancora grazie per l'interessamento. Le chiedo la gentilezza, se possibile, di fornirmi i nomi dei farmaci o principi attivi che potrebbero aiutarmi a ristabilire i valori delle transaminasi affinche' possa proporli al mio farmacista per iniziare un'evventuale terapia. Tra l'altro ho sentito pareri diversi sulla somministrazione di Gallium. Va preso a stomaco pieno o lontano dai pasti?
Ringraziandola per la sua squisita gentilezza Le invio i miei migliori saluti.
[#5] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i farmaci omotossicologici in gocce si devono assumere ad almeno 15 minuti di distanza dall'ingestione di qualunque alimento o bevanda (è concessa solamente l'acqua), è preferibile trattenere le gocce (pure o diluite in acqua) alcuni istanti in bocca per poi deglutire.
In tanti anni di esercizio professionale le posso riferire che in omeopatia un medicinale che manifesta un tropismo marcato per la salute del fegato è Nux Vomica in bassa diluizione da assumere quotidianamente per alcuni mesi; in fitoterapia il Cardo mariano mostra interessanti proprietà protettive nei confronti delle cellule epatiche (può approfondire consultando questo recentissimo studio in merito http://www.sanihelp.it/news/scheda/8701.html ).
Ben lontano dall'averle dato una terapia per il suo disturbo spero di aver risposto alla sua richiesta che valuterà insieme ai suoi consulenti di fiducia, fra questi in particolare il medico esperto in medicina non convenzionale che dopo aver accuratametnte visitato il paziente suggerisce la terapia integrata che ritiene più opportuna.
Sarò lieto di conoscere gli sviluppi.
La saluto cordialmente.
[#6] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille non manchero' nel tenerLa aggiornata.
Con riconoscenza le invio i miei saluti.