Utente 114XXX
si..confermata la prostatite di qualche tempo fa..ma ancora dopo 2 mesi e più..nessun miglioramento!!! il dolore all'uretra persiste...mi devo sottoporre a breve a un tampone uretrale? è fastidioso? poi sento sempre il pene indolenzito...aiutatemi grazie!!


emanuele

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
segua l'indicazione ,che spero le abbia data il suo andrologo o urologo. Il tampone uretrale è un pò fastidioso ma a volte aiuta a capire meglio la situazione clinica e ad impostare la successiva strategia terapeutica senza pasticciare troppo il quadro clinico. Purtroppo ,senza una valutazione diretta non possiamo noi ,dal computer, impostare una terapia antidolorifica . Per questo problema acuto cerchi eventualmente di contattare il suo medico curante. Auguri ed un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2006
Intanto la ringrazio per la celere risposta!! il dolore è sotto il glande a sinistra..si sente più duro..scusate i termini poco tecnici!! cosa può essere?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
il dolore da lei lamentato non è tipico di una prostatite ed il "duro" da lei sentito sotto il glande farebbe pensare ad altra patologia. Comunque a maggior ragione diventa imortante una valutazione clinica diretta da parte di uno specialista .Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2006
la ringrazio ancora egregio dottore..c'è qualche esame specifico per rilevare quest'altra eventuale patologia?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile Signore,
potrebbe essere utile una ecografia dell'apparato uro- genitale completa , compresi i corpi cavernosi in situazione basale ed eventualmente dinamica, ma quest'ultima è una decisione clinica che deve prendere il collega andrologo che la seguirà.
Ancora un cordiale saluto.