Utente 101XXX
CARO DOTTORE LE PSIEGO VELOCEMENTE IL MIO CASO DI EP.
ALLE PRIME ESPERIENZE SESSUALI AVEVO AVUTO QUALCHE PROBLEMA DI EP E DI MANCATE EIACULAZIONI DOVUTE DALL'ANSIA DA PRESTAZIONE CHE NEL TEMPO E CON QUALCHE FIGURACCIA E NON SONO RIUSCITO A RISOLVERE.
ORA MI RITROVO AD AFFRONTARE SOLO IL PROBLEMA DELL'EP AD ANNI DI DISTANZA.
SONO SPOSATO CON UNA BAMBINA DI 1 ANNO, DA QUANDO è NATA MIA FIGLIA HO RICOMINCIATO AD AVERE ANCORA PROBLEMI DI EP, ALLORA DOPO 6 MESI SONO ANDATO A FARMI VISITARE DA UN ANDROLOGO, IL QUALE NON HA RISCONTRATO PROBLEMI FISICI E MI DISSE CHE ERA UNA COSA ABBASTANZA NORMALE LA MIA PROBLEMATICA, IN QUANTO I RAPPORTI SESSUALI CON MIA MOGLIE ERANO NETTAMENTE DIMINUITI.
A DISTANZA DI ALTRI SEI MESI MI RITROVO ANCORA AD AFFRONTARE IL PROBLEMA SOLO, VISTO CHE PER MIA MOGLIE NON LO E'.
ORA DEVO ESSERE SINCERO PERCHE' IL PROBLEMA LO AVVERTO SOLO IO, VISTO CHE CON I PRELIMINARI MI SOFFERMO MOLTO, PERO' E CON LA PENETRAZIONE CHE NON RIESCO PIU' A CONTROLLARMI (ANCHE SE EVITO I PRELIMINARI).
ORA IL PROBLEMA PER MIA MOGLIE NON ESISTE (ANZI SI MISE A RIDERE QUANDO SEPPE DELLA MIA VISITA MEDICA), E ANCHE IL MIO UROLOGO ME L'HA RIBADITO, IN QUANTO DOPO IL RAPPORTO ANCHE SE BREVE, MANTENGO UNA PERFETTA EREZIONE E RICOMINCIO DA DOVE MI ERO FERMATO (OVVIAMENTE AVENDO UN PIENO CONTROLLO SU ME STESSO E POTENDOMI REALMENTE LASCIARE ANDARE DURANTE LA PENETRAZIONE).
L'UROLOGO MI HA ANCHE DETTO CHE L'EP E' UN PROBLEMA QUANDO ALTERA IL RAPPORTO DI COPIA E QUESTO LO CAPISCO, MA NON TOGLIE IL FATTO CHE SE PRIMA NON NE SOFFRIVO ED ADESSO CHE NE SOFFRO VORREI RISOLVERE IL PROBLEMA PER SENTIRMI BENE CON ME STESSO, PERCHE' IN FINE IO AMO MIA MOGLIE E VOGLIO CHE SI SENTA APPAGATA DA ME, MA ANCHIO VORREI SENTIRMI COME UNA VOLTA PER ESSERE ANCOR PIU' APPAGATO... GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
non posso certo contraddire l' esito di una visita dal vivo con un parere telematico sulla natura del suo problema, in ogni caso esistono rimedi farmacologici (di cui può parlare col suo andrologo)variabili da persona a persona, oppure sentire un esperto sessologo. Faccia sapere sue notizied se vuole.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro utente se il suo urologoi ha escluso proplemi organici come ad esempio un infiammazione della prostata, allora potrebbe essere indicata una terapia farmacologica, però l'uso di questi faramci è appunto indicato solo quando la durata del rapporto è gravemente compromesso