Utente 957XXX
Egr. Dott.re

Ho 31 anni e nel 2007 a causa di sospetto varicocele ho eseguito un'ecografia testicolare con il seguente referto:
"l'esame,praticato con sonda da Mhz12,documenta testicoli in sede,di regolare morfologia.
L'ecostruttura di entrambi i didimi appare diffusamente alterata per il rilievo di innumerevoli spots ecogeni,che configurano condizioni di microlitiasi testicolare.
Non lesioni nodulari in atto apprezzabili.
Testicolo dx DL 4,74 cm;DAP 2,64 cm;DT 3,86 cm
Testicolo sx DL 5,1 cm;DAP 2,3 cm;DT 3,61 cm
Nella norma appare la conformazione e l'ecostruttura degli epididimi.
Minima ectasia delle vene del plesso pampiniforme a sinistra(calibro max 3mm),in assenza allo studio color-doppler,di significativo reflusso durante la manovra valsalva.
Modica falda di idrocele a sinistra."
Potrebbe cortesemente spiegarmi meglio il significato di tale referto e se a distanza di 2 anni devo ripetere l'ecografia o altri esami?
Questi spots ecogeni o microlitiasi sono pericolosi?
Grazie...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,
è presente una microlitiasi testicolare che va seguita nel tempo ed un accenno di varicocele.

Non è importante eseguire una ecocgrafia ma piuttosto una visita da un buon andrologo che le indicherà cosa fare. E' probabile che non sia necessario ripetere l'ecografia.

Una informazione che ritengo utile dare sia a lei che a chi ci legge: l'indagine di primo livello più importante non è l'ecografia ma una visita da un andrologo esperto; questi le consiglierà gli esami strettamente necessari (se ne occorrono) evitando tanti esami spesso inutili e costosi e tanta confusione.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,


un quadro ecografico di "microlitiasi testicolare" non è in genere associato a particolari forme patologiche comunque in alcuni casi potrebbe essere espressione di problemi testicolari.
E' un dato che merita controlli andrologici ed ecografici abbastanza regolarri per una valutazione corretta del fenomeno
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 957XXX

Iscritto dal 2009
Grazie,seguirò il Vostro consiglio.
Cari saluti.