Utente 101XXX
Salve, vorrei esporre un mio problema:
innanzitutto sottolineo che all'eta di 12 anni sono stato operato per un varicocele al testicolo sn. Da quel momento, sono trascorsi circa 18 anni, non ho mai avuto problemi di nessun tipo e in verita non ho mai fatto controlli e visite specifiche. Circa 20 giorni fa ho avuto un problema: una sera, dopo un approccio con una donna e un'erezione continuata,senza pero nessun rapporto sessuale, tornato a casa ho avuto dolori molto forti, quei dolori che ti impediscono di camminare correttamente e che non sai di preciso da dove provengono, anche se la zona è chiaramente quella testicolare. Di seguito a questa serata ho avuto rapporti sessuali senza evidenti problemi, a parte un problema di eiaculazione prococe al primo rapporto. Nei successivi rapporti nella stessa serata nessun problema di erezione, ma direi che ci sono state difficolta ad eiaculare. Comunque in generale non ho avuto problemi nelle ultime settimane, a parte che da 3-4 giorni a questa parte mi succede di avere dei dolori nella sacca che si trova tra il testicolo sinistro ed il pene, avendo come la sensazione di rigonfiamento. Ieri e oggi ho dolore quando cammino parecchio, quando sto parecchio in piedi, quando sto parecchio seduto, insomma sembra che la situazione stia peggiorando. Nelle vicinanze del mio ufficio, non conoscendo ne un urologo ne un andrologo, c'è un centro dove fanno visite specialistiche di questo genere e credo che la prossima settimana mi danno un appuntamento. Intanto sono a chiederVi delle informazioni: innanzitutto se c'è uno specialista che puo visitarmi a Roma in tempi brevi, anche privatamente. Seconda richiesta è di sapere se posso fare qualcosa per limitare questi dolori prima della visita sia a livello farmacologico che di altro genere. E se potete capire dalle mie informazioni quale potrebbe essere la diagnosi del mio problema. Puo succedere di avere di nuovo il varicocele? io non ricordo di aver avuto nessun sintomo a 12 anni ma di essermene accordo solo al tatto. Ma in questo caso sembra molto diverso da quello accaduto 18 anni fa, il testicolo è libero, non è circondato da una sacca venusa come ricordo all'epoca.
Vi ringrazio innanzitutto dell'attenzione e sono a disposizione per ulteriori informazioni da darvi per aiutarmi a risolvere il mio problema.
spero di ricevere presto una risposta
buona serata
Walter

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro utente, è possibile che la sua sintomatologia sia causata da un infiammazione della prostata e dei testicoli, nulla di grave e penso che la visita urologica sia la soluzione migliore
[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille Dottor Quarto per l'immediata risposta.
colgo l'occasione per chiederLe se in via precauzionale devo eliminare alimenti che possono ulteriormente infiammare la prostata o i testicoli, se i rapporti sessuali in questi giorni devono essere evitati e se posso assumere antiinfiammatori e al limite quali.

distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
sicuramente alimento come fritture cibi piccanti e pratiche sessuali come il coito interrotto possono favorire questo stato infiammatorio, però prima di impostare una terapia, bisogna confermare tale diagnosi tramite una visita urologica