Utente 762XXX
ho 29

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro affezzionato lettore,

è successo qualcosa, attendiamo il resto del suo post.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 762XXX

Iscritto dal 2008
ho 29 anni dopo avermi diagnosticato un adenocarcinoma del grosso intestino t3n0m0 mi hanno operato per eseguire l'asportazione radicale della massa e la resezione anteriore del retto dapprima in via laparoscopica ma poi a causa di un ascesso subfrenico sx mi hanno rioperato in open per l'aspirazione di 2.5 litri di liquido formatosi. ho portato la sacca per ileostomia per 5 mesi, ho eseguito 8 cicli di AF+5FU in via endovenosa. a novenbre ho toloto la sacca, a tuttoggi ho già eseguito il primo turnover di controlli ed è risultato tutto ok!!! (per fortuna) però mi ritrovo con un bel problemino, ovvero ke nn mi avviene più l'eiaculazione.... o per lo meno al momento dell'orgasmo sembra li li che esca invece sento che torna indietro. l'oncologo mi ha detto ke il farmaco kemiterapiko nn ha alcun effetto sulle terminazioni nervose, il chirurgo che mi ha operato mi ha garantito che la resezione anke se bassa nn ha colpito nulla im merito il mio problema. ora come devo comportarmi ke devo fare?mia moglie dice di aspettare che prima o poi mi sblokkerò ma io vorrei avere dei figli..... nn so se ho reso l'idea..... grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

ha ragione sua moglie che molto probabilmente bisogna aspettare ed avere pazienza e continuare a valutare e monitorizzare con il suo chirurgo l'evoluzione del suo problema.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=62527

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

molto spesso resezioni retto coliche per neoplasia si effettua una linfadenectomia ( asportazione deim linfonodi) sia stadiante che terapeutica.
E' quasi normale che dopo tali interventi possano essere lesionati i sottili rami nervosi del sistema simpatico che controllano la eiaculazione tanto da determinare una eiaculazione retrograda ( verso la vescica) invece che verso l'esterno. Anche la chirurgia degli spazi sottodiaframmatici, tanto più se effettuata in condizioni di "urgenza" potrebbe determinare fenomeni simili.
La stessa resezione anteriore del retto potrebbe portare a lesioni del sistema nervoso simpatico con fenomeni similari.
Nella mia esperienza anche di chirurgo addominale dubito che tale situazione possa risolversi spontaneamente e credo che, desiderando una gravidanza, possa essere opportuno considerare l'ipotesi di una ICSI con recupero epididimario o testicolare degli spermatozoi, se presenti
cari saluti