Utente 101XXX
Buonasera. RingeraziandoVi anticipatamente per l'attenzione prestatami, vado ad esporVi il mio problema.
Sono un ragazzo di 22 anni, in una buona condizione di salute generale (o almeno senza problemi di particolare rilevanza clinica).
Ho notato, invece, un piccolo problema nell'erezione che recentemente si è fatto più fastidioso.
Se l'erezione avviene a glande coperto dal prepuzio, non ho problemi di sorta; quando, invece, l'erezione avvenga a prepuzio retratto, sento una costrizione (penso a causa del prepuzio stesso) alla base del glande, che, dopo qualche minuto, risulta essere praticamente insensibile...
Ovviamente ciò non ha vietato di avere una vita sessuale, ma ha sempre fortemente limitato il mio piacere durante l'atto.
Secondo il Vostro parere potrebbero esservi gli estremi per la circoncisione? O semplicemente un'asportazione della striscia di pelle che costringe la base del glande potrebbe risultare efficace?
In caso, quale specialista sarebbe più indicato alla gestione del caso?
Sperando di essermi espresso in modo chiaro e comprensibile, Vi ringrazio di nuovo per l'attenzione prestatami ed in anticipo per una Vostra eventuale chiarificazione in merito.
Colgo, altresì, l'occasione per rivolgerVi i miei più Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
lei potrebbe avere una fimosi funzionale, cioè un restringimento del prepuzio non molto accentuato, che però si manifesta in erezione.
E' sicuramente indicata una valutazione urologica o andrologica, che valuti direttamente la situazione locale, ponendo una eventuale indicazione a circoncisione.
Ci faccia sapere dopo la visita.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Pescatori che mi ha preceduto, ulteriori informazioni può trovarle poi nell'approfondimento del collega Maio:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42220.

Se desidera infine altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35780.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#3] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera.
Sono tornato giusto ora dalla visita.
Ebbene sì... l'operazione s'ha da fare...
Resta solo da decidere se asportare del tutto la pelle del prepuzio oppure, tramite una plastica, allargare l'anellino che restringe il tutto...
L'operazione dovrebbe avvenire tra un mesetto circa, data la lista di attesa, in day hospital.
Per quanto riguarda la convalescenza, indicativamente, dovrebbe impiegare un altro mese...
Non mi resta che attendere.

I miei più Cordiali Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

fatta la diagnosi ed decisa la terapia ci tenga comunque aggiornati sull'evoluzione della sua situazione clinica, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera.
Ebbene l'operazione è stata eseguita ieri in mattinata dall'equipe del Prof. Mensi: il tutto comprendeva parziale asportazione del prepuzio e frenulo-plastica.
Mi sono stati anche applicati alcuni punti: quanto si deve aspettare in media prima che si sciolgano?
Altra domanda, se concessa, che desideravo porVi è questa: per poter fare una doccia decente senza lavarsi a pezzi, quanto tempo devo lasciar passare? oppure, tramite espedienti (es: coprire il tutto con pellicola trasparente) sarebbe possibile abbreviare il suddetto tempo?

Vi ringrazio cordialmente e porgo i miei più Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

stupisce che queste informazioni non le siano state date in diretta dal collega che l'ha "circonciso".

Di solito sono proprio le prime raccomandazioni che alla dimissione vengono date dal chirurgo che ha operato.

Non è che ci vuole forse fare per caso un esame di abilitazione in medicina e chirurgia ?

Comunque, fatte queste battute, generalmente i punti, se sono quelli riassorbibibli, si "staccano" dopo circa 15-20 giorni; la doccia invece può essere fatta generalmente dal 4-5 giorno .

Comunque, come già le ho detto, l'ultima parola su questioni così specifiche è il suo chirurgo che l'ha operata e che ha visto in diretta la sua situazione pre, intra e post-chirurgica, che deve darla e quindi, senza problemi, la richieda in diretta.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com