Utente 102XXX
Ho 35 anni sposato con figlio,dall'età di 20 anni (anno in cui ero a militare) mi è stata diagnosticata una prostatovescicolite acuta con risentimento del testicolo dx. Dopo alcune visite urologiche mi hanno detto che si tratta di prostatite cronica e presenza di alcune calcificazioni anche se non mi hanno mai fatto fare l'ecografia transrettale dicendomi che era solo per i "vecchi" e che se sentivo il "bisogno di eiaculare",di evitare il coito interrotto ma piuttosto di "fare la seconda". Spesso le spermiocolture sono positive per escherichia coli o enterococcus spp o proteus mirabilis,curate sempre con antibiotici. Ultimamente soffro di eiaculazione precoce ma premetto che ho avuto una fimosi 4 mesi fa e il dermatologo mi ha curato con Diflucan e Genital sapone liquido...ora mi son beccato una candida 2 volte ma il glande a pene eretto lo "scappello" a fatica nel senso che lo scopro tutto ma sento fastidio perchè il prepuzio mi tira sotto la corona e il glande sembra scoppiare dalle pulsazioni del sangue e dopo masturbazione o rapporto la pelle sembra tirarmi e pizzicare...oltre all'aspetto psicologico,può essere questa presunta fimosi la causa delle mie eiaculazioni precoci ? Ieri con profilattico ritardante sono andato meglio...Se facessi la circoncisione ? Ma prima di tutto c'è un buon andrologo a Foligno o provincia di Perugia ? O devo prima farmi visitare dal dermatologo ? Dove posso fare il test di sensibilità del glande,per capire se sia un problema psicologico,fisico o entrambi ?(viricare)Ho fatto pure uno spermiogramma e il mio dottore di famiglia mi ha detto che i "girini sono poco vispi"...Ultima domanda: il pene in erezione dovrebbe scoprirsi da solo ? perchè io devo farlo ma la pelle mi tira e pure il "filetto"...grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
...direi che vi sia abbastanza carne al fuoco per effettuare una valutazione andrologica, concordo con lei. Visti i vari aspetti in gioco direi di avere l'Andrologo come regista della ua situazione.
A chi rivolgersi? Può controllare tra i medici di questo sito o in alternativa valutare il sito della Società Italiana di Andrologia wwwandrologiaitaliana.it.
Ci faccia sapere.
[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Intanto la ringrazio e vorrei sapere se l' andrologo (anche privatamente)per la sua visita ha a disposizione le stesse apparecchiature dell' urologo,nel senso di eventuali ecografie...
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Direi proprio di si; naturalmente dipende poi da specialista a specialista.