Utente 102XXX
buona sera. Ho 36 anni sposata con un bimbo di cinque. Conduco una vita regolare. cammino molto e quando posso vado in piscina (non ultimamente). Da circa 4 mesi ho delle aritmie. Ho anche eseguito un ecg sotto sforzo dal quale non si è evinta alcuna patologia. Ma il fastidio continua. Mi sono ricordata che più di un anno fa ho eseguito un ecocardigramma dal quale si è evidenziata una valvola mitralica più lunga della norma. La mia domanda è: questo fastidio potrebbe dipendere da un lieve prolasso della valvola? quale indagine dovrei effettuare? Grazie mille di "cuore".
[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,sebbene si possano riscontrare prolassi della valvola mitrale e aritmie nello stesso soggetto non esiste una correlazione diretta,a meno che l'insufficienza mitralica sia cosi marcata da dare una importante dilatazione atriale e conseguente sviluppo di aritmie come la fibrillazione atriale,ma non è questo il suo caso.Consiglierei di sottoporsi ad un holter ecg per poter chiarire mediante una registrazione continua la natura di queste aritmie proprio nel momento in cui si sviluppano e successivamente impostare una terapia adeguata per questo problema.
A disposizione per ulteriori chiarimenti la saluto cordialmente
dr.Annoni
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, l alterazioni morfologiche della valvola mitrale, anche minime possono accompagnarsi alla comparsa di exrasistoli, quasi sempre benigne. Utile a mio avviso un ecocardiogramma color doppler di controllo associato adun eventuale Holter ECG.
Saluti