Utente 295XXX
Salve,
sottopongo due domande che potrebbero risultare anche un pò strane, ma chiedo comprensione ...

La prima: come si diagnostica problemi di erezione e eiaculazione precoce? Premetto che non ho rapporti sessuali completi quindi, eliminate le "tecniche diagnostiche" sul campo, esistono altri metodi empirici per capire se si hanno problemi di erezione e/o eiaculazione precoce? Ho la sensazione, per il secondo aspetto, di eiaculare "troppo presto" rispetto a quando inizia l'eccitazione, ma non so se è una mia impressione o esistono dei parametri scientifici di confronto.

La seconda domanda riguarda la lunghezza del prepuzio. Ho la sensazione che sia troppo lungo, nel senso che ricopre completamente il glande e dopo aver urinato dell'urina rimane intrappolata, dando uno sgradevole odore e alcune volte del prurito. Se sollevo il prepuzio spesso c'è una patina bianca che, se lavata, viene via. Capite bene la mia preoccupazione per eventuali infezioni e per l'odore sgradevole. Come si interviene in questi casi?

Grazie a tutti per il vostro aiuto,
Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
-per il primo punto: le tecniche diagnostiche "sul campo" sono fondamentali per identificare e caratterizzare un'eiaculazione precoce. Come mai non ha rapporti sessuali completi?
-Per il secondo punto è inizialmente suggeribile retrarre la cute prepuziale quando si urina, e ogni vilta che si lava (bagno, doccia, bidet) retrarre il prepuzio e lavarsi a prepuzio giù.
A conclusione direi che i suoi dubbi potrebbero costituire una buona occasione per una visita dall'Andrologo, per una valutazione completa della sua situazione.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
caro lettore,

se non si hanno avuto esperienze di rapporti sessuali completi potrebbe non essere chiaro se si abbia una erezione adeguata ed un tempistica eiaculatoria corretta. Una visita specialistica andrologica potrebbe essere importante per "mettere a fuoco" tali aspetti ed a chiarire anche quello legato alla possibile eccesso di cute prepuziale
a Roma non le sarà difficile consultare uno specialista ospedaliero o privato
Cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Le "tecniche" di valutazione della disfunzione erettile e dell'eiculazione precoce sono molteplici e complesse passano per una autodiagnostica fino ad arrivare a metodiche strumentali che possono essere eseguite sotto indicazione e sorveglianza specialistica.
Le dimensioni del tessuto prepuziale variano da persona a persona e nonhanno grande significato a meno che tale tessuto non si sclerotizzi o fibrotizzi formando un anello che possa stringere il glande dando fastidio durante l'erezione o impedendone una adeguata igiene locale. In questi casi si parla di fimosi ed è opportuno un trattamento che è solo chirurgico.
[#4] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2007
Salve,
vi ringrazio per le vostre preziose risposte.

Sono stato nei giorni scorsi dall'andrologo per un controllo relativo ad un varicocele, volevo parlargli anche di questi aspetti ma la presenza di due giovani specializzande mi ha fortemente inibito. Cercherò di sfruttare a riguardo la Settimana della Prevenzione Andrologica.

Grazie ancora,
Marco

PS: qualcuno di voi sarà disponibile nella Settimana della Prevenzione Andrologica su Roma?