Utente 102XXX
Egregi dottori, volevo illustrare brevemente il mio problema. Ho 29 anni e da alcune settimane ho intrapreso un nuovo rapporto sentimentale. Come accadde agli inizi con la mia precedente ragazza, non riesco a raggiungere l'erezione e soffro molto per questa condizione. A ciò, si aggiunge la scomparsa pressocché totale delle erezioni mattutine e di quelle spontanee nell'arco della giornata. Il pene si presenta sempre flaccido e ritirato, ed anche i testicoli spesso non sono "penduli" ma ritirati nella sacca scrotale non rilassata. Raggiungo una "timida" e transitoria erezione solo nella masturbazione, soltanto in seguito a ripetute stimolazioni tattili... dopo l'eiaculazione essa regredisce immediatamente. Sono un soggetto ansioso ed emotivo, e pertanto vorrei chiedere se la cosa può dipendere da un calo del testosterone causato da forte stress (se si, quali i rimedi?). Ho necessità di sottopormi ad esami diagnostici?
Grazie per l'attenzione e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

tutte le ipotesi diagnostiche da lei formulate potrebbero essere corrette ma in questi casi ,senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta , cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico .

Bisogna, a questo punto, consultare un esperto andrologo.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,quanto racconta e' suscettibile di miglioramenti a patto che,finalmente,si possa porre una diagnosi corretta che impedisca al paziente di entrare in uno stato di panico.Lo stato dei testicoli non ha influenza ,cosi come la presenza o meno di erezioni spontanee mattutine,la portata diagnostica del problema.Un andrologo esperto Le consigliera' i dosaggi ormonali,l'ecodoppler penieno e quant'altro si oportuno controllare dopo un'attenta visita.Ci aggiorni in merito,se ritiene.Cordialita'.
[#3] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio di cuore i dottori Izzo e Beretta per la completezza delle informazioni, la cordialità e la solerzia delle risposte. Vi terrò aggiornati senz'altro. Grazie ancora
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
caro utente come detto la stress e la psiche possono avere un ruolo molto forte nell' erezione specie in casi di nuove relazioni sentimentali, detto ciò per avere una diagnosi certa sarebbe necessaraia una visita andrologica
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle indicazioni già ricevute un ultimo consiglio, se desidera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, è quello di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com