Utente 102XXX
Gent. mo Dottore, ho 32 anni sono donna sposata senza figli. Non ho mai avuto problemi di capelli anzi sono sempre stati forti robusti spessi ma secchi. Stessa cosa i miei genitori o nonni. Nell'ultimo anno non ho sofferto di traumi o particoalri stress. Due anni fa ho però ho sofferto di una forte insonnia, e conseguente depressione risolte e oggi totalemente scomparse.
Fino qualche giorno fa i capelli erano lunghi circa 10 cm sotto le spalle. Eseguo colorazioni circa ogni 2 mesi da un paio d'anni, e ho sempre utilizzato prodotti di parruccheria. Ebbene da tre mesi ho notato un aumento della secchezza e lo spezzarsi dei capelli (pezzi di tutte le dimensione ma in maggior quantità pezzettini da 1 cm e meno), localizzati prevalentemente nella zona centrale della testa (tanto che i capelli in quella zona ora sono lunghi 10 cm) e nel lato destro della testa all'altezza degli occhi. Ho effettuato una visita dal tricologo che mi ha diagnosticato una alterazione della crescita del capello e proposta una cura molto costosa che ho rifiutato, preferendo una cura proposta dal farmacista composta da integratori per capelli e fiale da mettere sulla cute due volte alla settimana il tutto per due mesi. Ora a quattro giorni dall'inizio della cura i capelli sono molto morbidi e setosi ma ancora si spezzano. Il mio problema è legato all'estetica e alla paura di non trovare la cura giusta visto che ancora poco o nulla si conosce dei capelli (parlo in termini medici)e molti purtroppo sono coloro che si approfittano della condizione psicologica di chi è affetto da queste patologie. Aggiungo che ho effettuato le analisi del sangue e la tiroide con esiti nella normalità. Chiedo con questa lettera un consiglio su come comportarmi e affronatre nel giusto modo una situazione che mi sta angosciando di fronte alla quale mi sento impotente.
Cordialità

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
mi spiace che riferisca che in termini medici si conosca poco o nulla sui capelli perchè mi chiedo come sia possibile che un medico magari specialista ne sappia meno del farmacista...
Non sono qui per polemizzare ma per darle un mio parere.
Vi sono vari apprrocci per le patologie del capello a partire dall'integrazione fino alla terapia farmacologia.
L'unica costante di tutte le terapia per i capelli è il tempo: sono trattamenti che richiedono costanza nel tempo.
Il consiglio è quello di farsi seguire non dal Tricologo, che potrebbe anche non essere laureato in medicina, ma da un Dermatologo che si occupa anche di tricologia.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

un dato su tutti :

il TRICOLOGO Esiste e si chiama SPECIALISTA DERMATOLOGO.

Nessun altro potrà valutare con serietà (per non parlare degli aspetti legali) un qualsiasi problema di capelli:

programmi la sua visita dermatologica tricologica per chiairire con la visita e se occorre con esami strumentali specifici (la maggior parte effettuabili nella sede di visita), la sua diagnosi, nell'ambito delle svariate possibilità

cari saluti
[#3] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Gent. mo Dottore,
La ringrazio per il consiglio. Saprebbe indicarmi qualche specialista nella provincia di Pesaro?
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
le ho già risposto nel suo secondo consulto; la prego di non reiterare però le stesse richieste di consulti.

cari saluti