Login | Registrati | Recupera password
0/0

Mancanza respiro, mal di stomaco e ansia

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009

    Mancanza respiro, mal di stomaco e ansia

    salve sono 1 ragazza di 16 anni da due mesi circa soffro di attacchi di panico dopo il primo attacco che ho avuto ne sono seguiti altri e sono seguiti anche vari sintomi come ad esempio tensione muscolare allo stomaco e dolori sempre allo stomaco e nausea o mancanza di respiro, tachicardia fenomeni di depersonalizzazione ho fatto esami del sangue, ecocolordoble ,holter elettrocardiogrammi vari e i risultati sono tutti negetivi.devo iniziare ad andare da 1 psicologo spero mi servi a qualcosa! ma anche dopo le mille certezze che mi sono state date sulla mia salute sono ancore molto impaurita esco poco di casa non riesco a muovermi dal mio paese ci sono giorni che sono molto positiva ed altri in cui preferirei morire piuttosto che vivere questo strazio....mi passerà tutto questo prima o poi o dovrò conviverci ??? io ho sempre mal di stomaco potrebbe essere il motivo di tutto questo??
    grazie della vostra
    attenzione cordiali saluti



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 1026 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2008
    Carissima,
    puoi chiedere consiglio, sempre su medicitalia, nella sezione psicologia. Sposterò io stesso il consulto, sono certo che i colleghi sapranno aiutarti.
    Saluti,


    Dr. Vincenzo MARTINO

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 720 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2009
    Cara ragazza, anche l'incapacità e/o la paura di allontanarsi dal suo paese può essere inserito all'interno del suo disturbo di ansia che sta riportando. se i suoi esami medici hanno dato risultati negativi (tant'è che i colleghi cardiologi hanno sentito la giusta esigenza di spostare in questa area il suo consulto) allora possiamo ipotizzare che questi suoi malani fisici siano una forma di somatizzazione della sua ansia, ossia si trasformano in mali fisici i suoi problemi psicologici. La decisione di rivolgersi ad uno psicologo è adeguata e quest'ultimo certamente le potrà dare un ottimo aiuto.
    Inoltre lei ha parlato di fenomeni di depersonalizzazione, da dove ha preso questo termine? Qualcuno le ha già fatto qualche diagnosi?




    Dr. Armando De Vincentiis
    Psicologo-Psicoterapeuta
    www.psicoterapiataranto.it

  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 664 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2003
    Gentile ragazza,
    se tutti gli esami medici sono negativi, e probabile che si tratti di ansia.

    In questi casi il miglior trattamento è rappresentato dalla terapia cognitivo-comportamentale. Tutte le altre rassicurazioni che ti potrei dare non ti servirebbero a molto, continueresti ad avere paura, perchè proprio questo il meccanismo dell'ansia.

    Se vuoi, mentre aspetti la visita, leggiti questo articolo sull'ansia, giusto per chiarirti meglio le idee

    http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42293


    Cordialmente
    Daniel Bulla
    dbulla@libero.it, Twitter _DanielBulla_

  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009
    no non ho avuto diagnosi da nessuno ho soltanto associato i miei disturbi a quello che ho letto ....ci sono periodi in cui io è come se stessi vievendo in un sogno faccio le cose in modo meccanico perche so che le devo fare ma poi magari mi capità che è come se nn le avessi fatte non so spiegare molto...io ho molta paura spero mi possiate dare 1 consigli :quando mi manca il respiro che devo fare ?? mi capita che magari o continuo a sbadigliare o sbuffo sono 1 po in crisi . prendo valeriana è possibile che il mio mal di stomaco sia dovuto a essa ??? grazie grazie
    grazie mille per le vostre risposte



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 1120 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2008
    Gentile ragazza
    Non possiamo darti consigli diretti su cosa fare attraverso questo servizio. Devi necessariamente fare dei consulti di persona. Ad esempio potresti recarti alla tua ASL insieme ai tuoi genitori, dopo avergliene parlato.

    Cordiali saluti


    Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
    Specialista in psicoterapia breve strategica
    www.giuseppesantonocito.it

  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 664 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2003
    Gentile ragazza,
    come ti avevo scritto le nostre rassicurazioni ti servirebbero a poco: nei casi di disturbo d'ansia è meglio limitare le richieste di rassicurazione perchè l'ansia, anzichè diminuire, tende ad aumentare.

    vedrai che la soluzione migliore sarà il lavoro CONCRETO con il professionista che ti avrà in cura


    Cordialmente
    Daniel Bulla
    dbulla@libero.it, Twitter _DanielBulla_

Discussioni Simili

  1. Sensazione d'ansia
    in Psicologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02/03/2009, 11:56
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03/03/2009, 17:50
  3. Paura di essere lesbica
    in Psicologia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25/02/2009, 14:35
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25/02/2009, 13:15
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05/03/2009, 17:09
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,27        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896