Utente 113XXX
qualche settimana fa ho notato un rigonfiamento sulla mano destra,poco più giù del polso tra l'indice e il pollice,toccandolo mi sono accorta che non era duro ma come se fosse di materiale gelatinoso,non mi da particolarmente fastidio ma vorrei sapere di cosa si tratta.
Su internet ho letto che potrebbe trattarsi di cisti intra tendinea,è possibile?in cosa consiste? bisogna ricorrerre ad un intervento per risolvere la situazione? grazie in anticipo per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
13766

Cancellato nel 2008
Gentile signore,

potrebbe anche essere una cisti tendinea. Tuttavia, bisognerebbe vederlo per poter essere più precisi a causa della notevole quantità di strutture che esistono nella mano.

Rimango a disposizione,
Gianpiero Gravante

http://xoomer.virgilio.it/gravante
[#2] dopo  
Dr. Andrea Omodei
24% attività
0% attualità
0% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2000
La diagnosi più probabile è CISTI TENOSINOVIALE. E' una neoformazione benigna la cui radice è all'interno del tendine. L'unica possibilità terapeutica è quella chirurgica.
La patologia è di pertinenza ortopedica.
Per una diagnosi esatta è essenziale una visita specialistica.
Cordiali saluti
dr. Andrea Omodei
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
si, direi che condivido in pieno quanto espresso dai Colleghi OMODEI e GRAVANTE.
Se la diagnosi fosse confermata, ne consiglio sempre l'asportazione. Si tratta di una patologia del tutto benigna, ma senza dubbio fastidiosa e progressiva.
Auguri affettuosi e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Dr. Danilo De Gregorio
24% attività
4% attualità
12% socialità
PERUGIA (PG)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile paziente fermo restando che è difficile fare una diagnisi via internet della formazione cistica della sua mano si rivolga a un bravo ecografista che possa dirle le dimensioni e la sede precisa, poi valuterà con il chirurgo di sua fiducia il "da farsi".
La saluto cordialmente