Utente 150XXX
Ho 38 anni ho subito un ablazione nel 95 per sindrome di Wolf Parkinson White effettuata dal dottor Carlo Pappone, dopo 2 anni si è verificata una recidività e ho dovuto rifare una nuova ablazione presso il gemelli di Roma con il professor Montenero. Sono passati 9 anni nei quali si è convissuto con una leggera extrasistolia sintomatica ma da circa 2 mesi a dopo una terapia a base di Ventolin per una forma allergia agli acari si è manifestata un notevole aumento dell’extrasistolia. Si effettua un primo holter che denuncia la presenza di 329 battiti sopravventricolari e 13 ventricolari, ma ha seguito dell’aumentare dei fastidi molto sintomatici mi si chiede di rifare l’holter a distanza di un mese, su questo si notano 500 extrasistole ventricolari talora in ritmo bigemino e trigemino, con segnalazione di un bigemismo seguita da una coppia di extra v, circa-900 extrasistoli sopravventricolari + 11 episodi di tachicardia parossistica sopra v FC Max 142, inoltre dall’eco risulta un lieve appiattimento sistolico del lembo anteriore della mitrale, con buona funzionalità. Mi viene prescritto il rytmonorm poi visto la non efficacia la natisedina , ma il farmaco non ha alcun effetto, a quel punto mi viene chiesto di utilizzare il dilatrend, con effetti nulli, attualmente non prendo nulla e noto che l’extrasistolia tende a essere sempre più elevata, vorrei un vostro consiglio in merito.In oltre da circa 15g ho iniziato una cura di fertimev(3 volte al di x un mese) a base di ginseng x un problema andrologico e non so se questo possa provocare ulteriori fastidi grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Laura Angioni
20% attività
0% attualità
0% socialità
CORMANO (MI)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Il mio consiglio è quello di fissare un appuntamento presso l'ospedale Niguarda di Milano presso l'ambulatorio dedicato alle aritmie o farsi seguire presso un analogo centro specializzato per la cura delle aritmie, perchè spesso ci vogliono anni per giungere ad una soluzione accettabile. Dovrebbe essere sufficiente una impegnativa del medico di base. Mi faccia poi sapere.
[#2] dopo  
Dr. Aniello Ascione
24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Caro Paziente,
la Sua giovane età predispone a recidive di tachicardia sopraventricolare intesa nelle sue varie forme,suscettibili-quasi sempre-di ablazione con radiofrequenza.Le consiglierei,invece di assumere la terapia medica,di rivolgersi presso il Centro aritmie dell'Ospedale Careggi della Sua città o altro Centro specializzato.
La saluto
[#3] dopo  
Dr. Gabriele De Masi De Luca
24% attività
0% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
gentile utente,

sono due gli aspetti meritevoli di una piu' approfondita analisi, l'extrasistolia e gli episodi di tachicardia parossistica sopraventricolare.
Il farmaco che ha iniziato ad assumere, il ventolin, e' un adrenergico betastimolante che esplica una spiccata attività broncodilatatrice, e può presentare effetti collaterali tra i quali quali tachicardia ed extrasistoli (anche se tra i betastimolanti e' quello che ha un'azione meno importante sul cuore). Un numero di extras. di 300, 500, sicuramente non e' preoccupante alla luce del fatto che ha un cuore sano (il dettaglio dell'Ecocardiogramma e' ininfluente).
Il trattamento con B-Bloccanti e' sicuramente indicato nel suo caso, ...il bisoprololo ad esempio e' un b-bloccante cardioselettivo che potrebbe ridurre l'iperstimolo adrenergico che probabilmente e' il meccanismo alla base dell'accentuarsi del suo disturbo.
Eviti altresi' bevande stimolanti (caffe', the) e svolga attivita' fisica aerobica quotidiana.
Riguardo gli episodi di TPSV sarebbe utile evidenziare il tipo di tachiaritmia sopraventricolare e la durata degli episodi,... sul referto Holter ogni tachiaritmia SV viene denominata come TPSV, pertanto potrebbero essere dei banali e brevi runs atriali, e non necessariamente recidive della sua TPSV .
Il ginseng a basse dosi non ha effetti collaterali. (a dosi importanti stimola la midollare del surrene con iperincrezione di catecolamine).

Un saluto

Gabriele (gabrieledmdl@libero.it)



[#4] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2006
volevo ringraziarvi per le risposte e dirvi che ho appuntamento il 24/6 con il dott montenero a roma ho preferito rivolgermi a lui visti i tempi di attesa del careggi e del cisanello di pisa (3 mesi)vorrei chiedere al dott de masi cosa intende per stimolare la midollare del surrene con iperincrezione di catecolamine, io ho preso il fertimev per 20 giorni 3 volte al dì ora due al dì e tra una settimana devo prenderne 1 al dì. saluto tutti cordialmente e ringrazio in anticipo per la risposta
[#5] dopo  
Dr. Gabriele De Masi De Luca
24% attività
0% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Il ginseng e' diffuso in commercio come integratore, pertanto nella maggior parte dei casi i dosaggi sono minimi. E' sconsigliata l'assunzione continuativa di prodotti a base di ginseng, ... in seguito a somministrazioni prolungate sono infatti stati segnalati alcuni effetti secondari (tachicardia, insonnia, nervosismo); questi effetti sono risultati più frequenti se il ginseng viene assunto ad alte dosi e se associato ad altri stimolanti del sistema nervoso centrale (es. caffè, the, ecc.).
Nel suo caso si tratta di un breve periodo con dosaggio minimo, pertanto pressocche' esente da effetti collaterali.

Un saluto, Gabriele De Masi De Luca




[#6] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico,
giusto fare tutti gli accertamenti aritmologici del caso, ma non bisogna mai dimenticare l'importanza dello stress e dell'ansia nella genesi dell'extrasistolia, anche di natura ventricolare...