Utente 103XXX
Gentili Dottori,
ho 56 anni e sono ammalata di PARKINSON che sto curando con MIRAPEXIN.
Da qualche mese accuso tachicardia (da 100 a 130, specialmente al mattino presto e con relativo innalzamento della pressione) ed il cardiologo, dopo avermi visitata, mi ha prescritto un beta-bloccante (1/2 cp di LOBIVON 5 mg al mattino per la prima settimana e 1 cp in seguito).
Poichè i valori medi della pressione arteriosa sono tendenzialmente bassi
(sistolica, circa 110 e la diastolica, circa 70), temendo che il medicinale possa far abbassare ulteriormente la pressione, non ho ancora iniziato la cura.
Vi chiedo di dirmi se i miei timori sono fondati o se posso tranquillamente prendere il LOBIVON, magari iniziando con 1/4 di cp.
Grazie infinite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il dosaggio indicatole dal collega è già in parte sottodosato proprio per evitare bruschi cali pressori, perciò inizi pure la terapia come prescritta dal collega.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la sollecita e chiara risposta.