Utente 101XXX
Gentilissimi dottori da scintigrafia: ipoperfusione reversibile in sede infero-laterale da ecostress con contrasto : test negativo per ischemia inducibile chiedo come proseguire l'indagine con test non invasivo

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il test praticato è già altamente significativo per specificità e sensibilità verso la cardiopatia ischemica, che non necessita di ulteriori indagini. Visto che l'area ipoperfusa è già quella colpita da infarto, l'esame risulta negativo per ulteriori aree ischemiche. La chiave di lettura però cambia se lei è sintomatico.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio tantissimo per aver addirittura collegato questa domanda ad un'altra di giorni fa. Non sono mai stato sintomatico, nemmeno in fase acuta dell'infarto, se non per un leggero improvviso mancamento.la mia perplessità del referto ultimo è dovuta al fatto che non ho sentito alcun malessere durante l'esame(dipiramidolo 0.84mg per kg e per 6 min + le microbollicine)ed ho in mente che magari non si siano raggiunte le stesse condizioni massimali di quando ho fatto la scintigrafia(es. sforzo max 150 WATT e FC 146). Nel referto ultimo infatti oltre al CFR su IVA = 1.71 e WMSI= 1.56 e una indicazione di zone normali pari al 69%, non c'è altro (a parte anche gli schemi delle zone numerate da 1 a 3 per indicare le zone 1:normale, 2:ipocinetico, 3:acinetico che si sovrappongono perfettamente a quelle della risonanza magnetica del 1996).
Da una TCMS non si potrebbe dedurre qualcosa in più ?
grazie infinite della Sua disponibilità.