Utente 897XXX
ho 42 anni e da bambino ( credo 10 anni ) sono stato operato per ritenzione testicolare.
ho fatto di recente visita urologica di cui riporto esito:
"testicolo dx lievemente ipotrofico con varicocele di secondo grado.
testicolo sx parzialmente ritenuto (alla radice dello scroto) di volume normale."

ecografia
testicoli di normale volume e consistenza . presenza bilaterale di microcalcificazioni diffuse. varicocele dx."

spermiogramma presenta 3 milioni ti spermatozooi

profilo ormonale presenta tutti i valori nella norma ( anche se testosterone libero non è altissimo e fsh ai limiti)


l'urologo mi ha cosigliato :
orchidoplessi a dx e varicocele a sx.

faccio notare che sono stato in precedenza visitato da altri uroligi i quali non hanno mai prospettato la possibilità di un intervento. anzi dicendomi che era tutto o.k.
volevo chiedere:
1) avrebbe senso un intervento di orchidoplessi a 42 anni?
quali benefici funzionali potrei avere.
l'urologo ritienne che si preserverebbe meglio il testicolo da ulteriori danni.

2) le microcalcificazioni devono preoccuparmi?
per l'ecografista e per il doc sono da ascriversi all'attaccatura dell'intevento subito ed il fatto di essere bilaterali non destano problemi

3)si puo aumentare il trofismo del testicolo operato in tenera eta?


4) sarebbe opportuno la visita di un endocrinologo?


preciso di non avbere avuto mai problemi a carattere sessuale .
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
con copia incolla faccio prima.
1) avrebbe senso un intervento di orchidoplessi a 42 anni?
quali benefici funzionali potrei avere. Secondo me no.

2) le microcalcificazioni devono preoccuparmi?
Le microcalcificazioni bilaterali sono spesso legate a patologia testicolare ed alterazioni spermatiche. Non si preoccupi

3)si puo aumentare il trofismo del testicolo operato in tenera eta? NO


4) sarebbe opportuno la visita di un endocrinologo? No

Faccia sapere se vuole: sta cercando figli?.

[#2] dopo  
Utente 897XXX

Iscritto dal 2008
doc la ringrazio
non ho intenzione di fare figli.
le chiedevo dell'endocrinologo perche
ho eseguito il profilo ormonale 30-60-90-120 min
e non vi è una apprezzabile picco dei livelli del testosterone.
i valori del testo libero sono al limite
fsh ai limiti superiori
lh nella norma




[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
avventurarsi nel testosterone, senza sintomi (deficit erettivo, assenza di libido) a 42 anni non ha granchè senso anche se ai limiti inferiori. La misurazione del testosterone fra l' altro è imprecisa a bassi livelli, per cui secondo me siamo a posto così.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

concordo nella assoluta inutilità a trattare chirurgicamente un testicolo collocato alla base dello scroto ed un varicocele a 42 anni !!

Il parere di un endocrinologo potrebbe essere utile per definire la sua situazione ormonale anche se non ho capito quale test diagnostico abbia previsto il dosaggio del Testosterone a 30,60,90 e 120 minuti....da cosa ???
Cari saluti
[#5] dopo  
Utente 897XXX

Iscritto dal 2008
egregi dott vorrei almeno mi delucidaste:

1) un testicolo posto alla radice della scroto è comunque in una posizione tale da non comprometterne la funzionalità?

2)l'ecografia ( ne ho fatte due ) dice " testicoli di dimensioni normali" mentre l'urologo dice " testicolo dx ( quello operato) lievemente ipotrofico.

quindi se ho capito bene:
sto o.k con l'eccezione del testicolo destro forse operato tardivamente e quindi "insultato".
questo potrebbe aver alterato la produzione spermatica ( non quella di testosterone ).
opportuno eseguire ecografia testicolare a carenza annuale per maggiore incidenza tumore testicolare ( ridottissima vista la mia età di 42 anni)
operare il testicolo "parzialmente ritenuto" non darebbe vantaggi funzionali ma anzi potrebbe "traumatizzarlo" ulteriormente.
esatto????
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
mi pare sia stato delucidato.
1) Visto lo spemiogramma non mi pare esistano dubbi sulla compromissione della spermatogenesi e quindi di entrambi i testicoli.
2) I testicoli ritenuti bilaterali anche se posizionati correttamente entro lo scroto solo in una percentuale di casi ripigliano la spermatogenesi corretta, in quanto nati male e non "insultati".
3) L' ecografia parla solo di dimensioni, l' urologo di dimensioni e consistenza. Ha ragione l' urologo.
4) Detto questo non vedo la necessità di ulteriore chirurgia di riposizionamento vista anche età.
[#7] dopo  
Utente 897XXX

Iscritto dal 2008
grazie doc ,
le allego i risultati del testo che ho fatto e vorrei un suo parere circa l'opportunità di consultare un endocrinologo.

testosterone libero 13.0 pg/ml 9-47

17 oh -pg ( 17 alfa idrossiprog) 3.4 ng/ml 0.61-3.34

17 beta estradiolo 32.0 pg/ml 10-41
progesterone 1.00 ng/ml 0.21-1,54
dhea 14,5


test GNRH

lh 7.0 mu/ml 1.5-9.5
30 min 76.0
60 min 64.0
90 min 54.0
120 min. 37.o
180min 26.0


fsh 8.0 mui/ml 1,5 -18
30 min 24.0
60 min 26'0
90 min 27.0
120 min 25.0
180 min 19.0


testo 5.50 ng/ml 2-9
30 min 6.60
60 min 7.40
90 min 8.00
120 min 7.70
180 min 7.60
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
vista la difficoltà di un corretto dosaggio del testosterone biologicamente attivo, la comunità internazionale (ISSAM) a riguardo consiglia di non dosare testosterone in assenza di sintomi. Già detto.