Utente 104XXX
Salve, io e mio marito (io ho 27 anni e mio marito 33) stiamo da tempo provando ad avere un bimbo. Purtroppo abbiamo dei problemi (azoospermia)e vorrei dei chiarimenti. Di seguito riporto gli esami effettuati.
1) Spermiogramma:liquefazione completa, colore grigiastro, viscosità normale,volume 3.5, ph 7.6 concentraz. spermat.0.0 numero totale 0 cellule rotonde 0 leucociti 0 agglutinazioni assenti, eritrociti aasenti;
2)visita andrologica: testicoli sostanzialmente regolari, il destro lievemente più piccolo 8il termine non è quello ma non capisco la scrittura), varicocele sinistro di 1°-2°grado,
3)ecografia prostato vesciculare: l'esame ultrasonografico della prostata, eseguito per via trans-rettale con sonda convex da 6.5.Mhz ha evidenziato un volume lievemente aumentato della ghiandola, in rapporto all'età (volume 27cc; peso stimeto in 32 gr); la ghiandola, simmetrica ed aa margini regolari, presenta un parenchima con eco-pattern omogeneo. Capsula vera regolare. capsula chirurgica non delimitabile. La zona si presenta regolare. La zona periferica non presenta alterazioni eco-struturali focali. Le vescicole seminali appaiono simmetriche, normotrofiche (diam. trasv 7mm) ed esenti da alterazioni focali.
4) ecografia scrotale: l'esame ultrasonografico dello scroto, eseguito con sonda lineare da 7.5 Mhz, ha evidenziato didimi bilateralmente nella norma per ecostruttra e morfologia; volume di destra, regolare, ai limit della norma quello sinistro( diam.long.35mm). non evidenza di versamento endoscrotale libero. Gli epididimi presentano, bilateralmente, sostanziali caratteri di normalità.
5) eco-color-doppler dei vbasi spermatici. lo studio ha evidenziato bilaterlamente, presenza di lieve ectasia del plesso pampiniforme, a livello funicolare, minimamente espandentesi in ortostatismo e/o con la manovra di Valsavia, che evoca modesto reflusso reno-testicolare (durata:1,4"), come da varicocele di 1°/5.

Siamo in attesa dei risultati ormonali, della mappa cromosomica e della ricerca delezione cromosoma x, nel frattempo lui sta assumendo Fertirol (una compressa al dì per due mesi).
Ora io chiedo: questa prostata di volume aumentato cosa significa, può essere causa di infertilità? Si può pensare con la cura ad un recupero di spematozoi (premetto che all'età di 17 anni lui ha avuto dalla compagna una gravidanza, non portata a termine per scelta)e quindi ad una gravidanza naturale? Inoltre, io ho una candida, questa può essere motivo di azoospermia? Lui è uscito da poco da una lunga cura contro l'herpes zooster (fuoco di sant'antonio), può avere inciso questo? Quali sono gli esami che possiamo fare ancora? Ci sono suggerimento che posso ricevere per risolvere questo problema?

Grazie mille per il servizio che offrite, buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
cara signora la prostata è una ghiandola che in tutti gli uomini auemnta di volume col tempo e cmq un volume di 27 ml è sostanzialmente nella norma e non è causa di infertilità penso che visto lo spermiogramma di suo marito , una volta eseguiti gli esami mancanti potrebbe essere indicata una biopsia testicolare per verificare se esistono spermatozoi all'interno del testicolo
[#2] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
gentile signora,
l'azoospermia è una situazione che va inquadrata da un esperto in patologia riproduttiva.
dagli esami che elenca direi che manca il valore dell'FSH , il quale potrebbe indicare in parte lo stato di danno assente o presente a livello testicolare.
una patologia prostatica potrebbe anche esitare in azoospermia ma ciò non è frequente.
il suggerimento è di consultare nella sua zona un esperto andrologo.
Quanto alla biopsia essa può essere eseguita solo in ambiente specialistico dove eventualmente conservare gli spermatozoi trovati e da poter utilizzare per una , sempre eventuale, fecondazione in vitro.
cordialmente
[#3] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
gentili dottori, ho il risultato delle ultime analisi di mio marito che si aggiungono a quelle già descritte precedentemente. Vorrei, pertanto, sapere che si possono fare delle ipotesi di azoospermia (ostruttiva o secretiva) e che possibilità abbiamo di fare una fecondazione con fivet o Icsi e tutto quello che dovremmo sapere. Grazie mille per la Vs immensa disponibilità.

LH 7.6
FSH 20.8
TESTOSTERONE 3.88
PROLATTINA 6.4
TESTOSTERONE LIBERO 7.6

dai parametri di riferimento sia l'FSH che il testosterone libero sono alterati, relativamente il primo più alto e il secondo più basso, cosa significa?
Grazie ancora
[#4] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve. il valore dell'FSH indica un danno testicolare ma non è vincolante per la diagnosi. una ostruzione può concomitare .
le rinnovo il consiglio di farsi seguire in ambiente specialistico.
cordialmente
[#5] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille, mi saprebbe indicare ulteriori indagini da effettuare per avere una panoramica più chiara?
[#6] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Gentili dottori, grazie per la disponibilità dimostrata. Vorrei un'ulteriore informazione. Mio marito ha effettuato la mappa cromosomica su sangue periferico e la ricerca delezione cromosoma y e non sono state riscontrate anomalie. Ora, premetto che comunque veniamo seguiti da un medico professionista del settore mi piacerebbe conoscere anche i Vs pareri. In questo caso si può parlare di azoospermia ostruttiva o secretiva? Che percentuale abbiamo di trovare spermatozoi in seguito ad una biopsia testicolare?
Grazie davvero per la collaborazione
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le indagini da lei già eseguite fanno sempre pensare più ad un problema secretivo , le percentuali di recupero dipendono da vari fattori che si possono considerare in modo preciso solo dopo un'attenta valutazione clinica diretta e le deve quindi chiedere sempre in diretta al suo andrologo.

Comunque, oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=19850.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemedra.com
[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara lettrice,
credo che il vostro "percorso" sia abbastanza obbligato.anche se organizzativamente e psicologicamente "pesante"
Effettuare una biopsia testicolare ( con ricerca di spermatozoi su vari campioni testicolari) se vengono ritrovati spermatozoi, congelarli in modo da poterli utilizzare per una successiva ICSI. Le garvidanze si ottengono.
Nel caso non si ritrovassero spermatozoi nei vari campioni testicolari prelevati ed esaminati, allora prendere in considerazione una fecondazione con seme di donatore ( facilmente effettuabile al di la dei confini italiani, non molto lontani da Bergamo) o la adozione
Cari saluti
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

senza mettere il carro davanti ai buoi, bisogna procedere, come già detto, a tappe e senza inutili prospettive "negative" poi, se desidera comunque avere ulteriori informazioni su questi temi, potrebbe essere utile leggere anche il manuale scritto dalla dra Elisabetta Chelo "Quando i figli non arrivano", CIC edizioni internazionali, Roma oppure il bel libro di Pier Luigi Righetti e Serena Luisi "La procreazione assistita" Bollati Boringhieri editore srl, Torino.

Un altro consiglio infine, se vuole confrontarsi e conoscere altre situazioni o coppie con un problema a riprodursi, è quello di consultare il forum sull'Infertilità a www.madreprovetta.org , sito ufficiale dell’Associazione onlus “Madre Provetta”.

Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Gentili dottori grazie per la velocità con la quale mi avete risposto anche se ascoltare queste parole non è stato facile. Mio marito ha ripetuto l'esame del liquido seminale e ci sono cose per cui vorrei dei chiarimenti. Riporto qui il referto:
volume 3,5 ph 8
viscosità normale liquefazione dopo 20'
odore normale batteri +
numero spermatozoi 00000 cellule rotonde 4.300.000
emazie assenti leucociti 2.000.000
cellule epiteliali rare trichomonas assente

Alla luce di tutto chiesto vi chiedo:
cosa sono le cellule rotonde? Nel primo spermiogramma non c'erano, ciò cosa significa? Perchè i leucociti sono così tanti? C'è un'infezione? Se si elimina l'infezione è probabile che vengano ritrovati spematozoi?
Mi scuso per le tante domande che continuo a porvi ma il periodo non è dei migliori e vorrei quante più delucidazioni possibili.
Grazie, attendo con ansie le Vs risposte
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

l'aumento dei leucociti ci indica una possibile problema infiammatorio delle vie seminali che deve essere attentamente valutato in diretta dall'andrologo di suo marito.

Il numero non sempre aumenta con la risoluzione del problema infiammatorio.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com