Utente 157XXX
Gentili dottori, il 16giugno mi sono sottoposta all'estrazione di un ottavo inferiore sx semincluso.Ho assunto zitromax cp tre giorni prima e tre dopo l'estrazione. La procedura e' stata difficoltosa ha richiesto piu' di due ore e trenta di manovre,e l'utilizzo di piu' dosi di tronculare;al termine,il dentista ha detto di non essere riuscito ad estrarlo completamente,ma di aver lasciato due pezzettini che pero' dovrebbero venire fuori da soli.I due giorni dopo sono stata abbastanza bene, i guai sono iniziati al terzo giorno dopo:dolori fortissimi a partenza dal mento, fino alla mandibola e alla tempia omolaterale. I dolori sono riuscita a controllarli con il toradol,ma poi e' comparso un trisma quasi completo. IL 22,esausta,e dopo aver sentito il dentista che ha effettuato l'interv.ripetermi che il decorso era normale, mi sono recata in ospedale dove mi ha visitata un chirurgo maxillo-facciale che mi ha consigliato: Rocefin im per 7 giorni e rimozione dei due pezzettini di dente prima possibile,quindi mercoledi' 28 giugno mi aspetta in ospedale per togliere i due pezzi. Oggi, a distanza di otto giorni e dopo tre somministrazioni di rocefin, il dolore e' leggermente diminuito,si e' spostato verso l'orecchio e il trisma e' leggermente diminuito. Se non togliessi questi pezzi rimasti, cosa potrebbe succedere? E se invece li tolgo il postoperatorio sara' lungo e doloroso come il primo? Sono spaventata e in pensiero anche perche' avevo programmato le vacanze e dovrei partire il 30 giugno. GRAZIE di cuore per l'aiuto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Fabio Gramaglia
24% attività
0% attualità
0% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Gentilissima utente,mi dispiace molto per la sofferenza che sta subendo,ma dopo estrazioni molto complicate la percentuale che si possano presentare i suoi problemi,sono molto alte,ed e' per questo che a volte anche noi odontoiatri dovremmo fare delle diagnosi accurate e se si hanno dei dubbi sulla riuscita "completa" dell'intervento,inviare i pazienti a strutture ospedaliere dove sicuramente sia l'attrezzatura ,che l'esperienza di casi complessi le rendono piu' idonee a trattamenti particolari.Quindi e' sicuramente sensato recarsi in ospedale a farsi estrarre i residui radicolari che il collega non le ha rimosso e vedra' che con una terapia adeguata le sofferenze diminuiranno. Auguri!!!

Dott. Fabio Gramaglia
[#2] dopo  
Utente 157XXX

Iscritto dal 2006
Grazie mille per la risposta cosi' veloce,oggi comincio a stare un po' meglio, il peggio credo sia passato, ma se mercoledi'ricominciasse? E andare a ristimolare dei tessuti gia' infiammati, non puo' complicare ulteriormente la sintomatologia? Grazie ancora, siete degli angeli.
[#3] dopo  
3885

Cancellato nel 2008
caro amico
si rechi tranquillamente in ospedale per farsi togliere i residui radicolari che è l'unico trattamento...radicale da fare.
mi scusi per l'ironia, ma alcune volte è necessaria nel nostro lavoro.
la saluto con affetto
[#4] dopo  
Dr. Silvestro Accardo
24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
purtroppo la rimozione rei residui si rende necessaria.Vedrà che tutto andrà bene:auguri