Utente 118XXX
Gentile dottore mi chiamo Renato ho 41 anni,ultimamente mi sono scoperto aritmico,mi chiedo da cosa può essere dovuto e cosa mi consigliate fare?
Ho questa fibrillazione atriale con risposta ventricolare 80bpm.
Ecocardiogramma:vs di dimensioni cavitarie ai limiti di norma (lvdd55mm) con normali spessori, asx45mm, im2+, lieve ipocinesia diffusa del vs con fe=50%.VD nella norma.
Dopo una terapia di 40 giorni con il sintom ,si prevede una cardioversione elettrica.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Ragozzino
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
la fibrillazione atriale di cui riferisce appare, dallo scarno resoconto che fa, poco studiata. Nell'ambito della patogenesi della malattia aritmica, andrebbero escluse le cause extracardiache ed in primis l'esistenza di un coinvolgimento tiroideo attraverso il dosaggio di fT3, fT4, TSH, abTPO, abHTG ed eventualemte, se positivo, eco e scintigrafia tiroidea. Ovviamente, l'uso del Sintrom (anticoagulante) e della cardioversione vanno impostati in base al giudizio clinico elaborato in base all'anamnesi ed all'esame obiettivo compreso lo studio clinico-strumentale che i colleghi cardiologi avranno sicuramente effettuato.
[#2] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
a parte le eventuali problematiche endocrinologiche, la causa della fa mi sembra facilmente attribuibile alle dimensioni dell'atrio sinistro. provi con la cardioversione, sapendo però che con un atrio sinistro aumentato di volume c'è la possibilità che l'aritmia ritorni.
[#3] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
la presenza di un ventricolo con ipocinesia in un soggetto relativamente giovane associata a iniziale disfunzione della mitrale (IM 2+) e dilatazione atrialedeve indurre ad approfondire la diagnostica per escludere una cardiopatia ischemica. Faccia una proca da sforzo e se necessario in caso di positività di quest'ultima una coronarografia.

cordialmente

Dr Actis Dato