Utente 105XXX
Buona sera,
molti anni fa (una diecina) soffrivo di un forte prurito alle gambe, ho cambiato molti medici i quali inizialmente tutti escludevano l'allergia da conttatto perchè dal patch test risultava una lievemente allergia al dispersivo blu ma tutti quando non riuscivano a trovare una soluzione allora ritornavano sull'allergia al blu. Dopo anni un medico mi ha detto che il mio prurito era dovuta dalla depilazione da lametta infatti da allora uso una crema e non ho piu' prurito (tengo a precisare che ho sempre indossato abiti neri). Ma vorrei farmi un tatuaggio ....posso farlo o la mia presunta lieve allergia potrebbe darmi dei problemi???. grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
Gentile Signora,
il disperso blu è un colorante utilizzato soprattutto per le fibre sintetiche (calze comprese)... spero che lei abbia fatto (come credo) una completa prevenzione rispetto al contatto con indumenti sintetici colorati... riguardo al tatuaggio la mia opinione è che converrebbe ripetere i patch test... questa volta specifici per sostanze utilizzate nel tatuaggio, alcune delle quali non sono presenti nella serie standard che, suppongo, le sia stata praticata l'ultima volta...
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Onestamente continuo ad usare indumenti scuri senza riscontrare nessun prurito, visto che usando una crema idratante dopo la depilazione non ho piu' avuto alcun problema. Proprio ieri il tatuatore mi ha proposto di fare una prova allergia, ossia di mettermi sulla pelle un cerotto con l'inchiostro che userà, secondo lei è sufficiente questa "prova allergica"???
La ringrazio per la sua gentile cortesia.
T.
[#3] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
gentile signora,
questa prova non solo non è sufficiente a porre la diagnosi (in quanto in caso di positività non sarebbe possibile distinguere l'effetto irritativo da quello irritante in mancanza di diluizioni crescenti del colorante appositamente preparate) ma è anche pericolosa (in quanto in caso di positività del cosiddetto test la reazione potrebbe essere imprevedibile e sfuggire al controllo del suo tatuatore)... si rivolga ad uno specialista allergologo...
saluti
[#4] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
ps: intendevo dire nella precedente risposta... NON E' POSSIBILE DISTINGUERE L'EFFETTO IRRITATIVO DA QUELLO ALLERGICO...

chiedo scusa per l'errore di battuta
[#5] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Onestamente continuo ad usare indumenti scuri senza riscontrare nessun prurito, visto che usando una crema idratante dopo la depilazione non ho piu' avuto alcun problema. Proprio ieri il tatuatore mi ha proposto di fare una prova allergia, ossia di mettermi sulla pelle un cerotto con l'inchiostro che userà, secondo lei è sufficiente questa "prova allergica"???
La ringrazio per la sua gentile cortesia.
T.
[#6] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per il consiglio e per l'immeditatezza della risposta.
Distinti saluti,
T