Utente 103XXX
Da tempo oramai (circa 5 anni) mio figlio (anni 28) soffre di emorroidi. Non si è mai sottoposto a nessuna visita, quindi la diagnosi è del tutto casalinga (anche il padre e la nonna soffrono di questo problema). Con applicazioni locali, Arvenum per bocca e attenzione all'alimentazione nei giorni di crisi il problema regredisce. Rimangono però (non ad ogni evacuazione ma comunque spesso)delle perdite di sangue (rosso, non marrone o scuro)che mi preoccupano molto. Insisto affinchè si faccia vedere ma lui dice di star bene. Chiedo: la mia preoccupazione è immotivata o comunque è bene farsi vedere? Considerando che il nostro medico è molto restio a prescrivere esami o indagini quali sono eventualmente gli esami da fare in prima battuta? Ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Maria Morena Morelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
l'esame da fare in prima battuta è la valutazione clinica (VISITA).
Le allego il link di un articolo scritto da un collega del sito al fine di meglio comprendere la malattia emorroidaria;
Lo faccia leggere anche a Suo figlio.
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=20620
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli