Utente 899XXX
Buongiorno.
Da circa una settimana avverto un dolore più o meno acuto al testicolo destro accompagnato da una sensazione di fastidio e pesantezza specialmente quando seduto ed una sensazione di "freddo" al testicolo.

Non ho subuto alcun trauma ed è la prima volta che mi succede.

Non so se c'entri ma ultimamente ho avuto problemi digestivi con dolori addominali che mi hanno portato a delle valutazioni cliniche (a seguito di una gastroscopia mi è stata diagnosticata una ernia italale con MRGE ed un possibile intestino irritabile e sto assumendo ESOPRAL e antiacidi).

Ho eseguito una TAC al colon con clisma opaco che ha però (fortunatamente) dato esito negativo.

Vi chiedo gentilmente se sia il caso di andare al pronto soccorso oppure di aspettare che il dolore mi passi (ma sono già diversi giorni che aspetto...) e se ci possono essere delle correlazioni con le altre patologie.

Grazie per la cortese e celere risposta.
Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
quanto ci descrive parrebbe compatibile con una irritazione di terminazione nervosa a carico del funicolo spermatico (nevralgia funicolare).
Suggerirei una valutazione urologica o andrologica.
Dalla sua mail non mi pare di ravvisare cartteri di urgenza.
[#2] dopo  
Utente 899XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dr. Pescatori,
la ringrazio della celere risposta.

Mi scusi la ulteriore domanda: lei ravvisa che ci possano essere delle correlazioni con i miei problemi gastro-intestinali ed il dolore al testicolo dx (MRGE, Intestino irritabile ecc...?) Mi spiego meglio: potrebbero essere insorte delle complicazioni di una infezione intestinale non curata perchè non diagnosticata?

Le chiedo questo perchè fino ad ora ho solo curato la MRGE con Esopral ma rimane un problema intestinale (stipsi) ed uno strano colore delle feci (grasse e di colore giallastro).

Anche io non ravvisavo il carattere di urgenza fino a che i dolori ed il fastidio al teticolo non sono aumentati e contemporaneamente anche dei dolori addominali e lombari.
Adesso non vorrei compromettere ulteriormente la situazione.
Per questo pensavo di recarmi al pronto soccorso.

Lei quindi mi consiglia di andare dal mio medico curante e richiedere degli accertamenti?
Pensa che sia il caso di insistere sulla questione della possibile infezione intestinale per indagare più a fondo?

Questi sintomi lo porto avanti dalla fine di Ottobtre 2008 e su Internet ho letto che alcune forme di Escheria Coli si possono trasmettere anche dal colon alla prostata ed altri organi afferenti (scroto ecc...).

Il suo/vs. parere è per me molto importante.

Grazie anticipatamente.

cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 899XXX

Iscritto dal 2008
Purtroppo è da un mese che ho chiesto una visita da un urologo tramite il medico della mutua ma il primo appuntamento è a fine giugno!

E intanto i dolori permangono e il testicolo destro tende ad ingrossarsi oltre ad essere sempre più basso del sinistro.

Ho notato con la palpazione come delle vene ingrossate e indurite sia sotto che sopra il testicolo....

cosa devo fare??
Ritiene che sia il caso di andare al pronto soccorso?
Io fino a Giugno così non ci arrivo... tanto più che ho altri problemi a livello digestivo che sto curando e controllando.

Grazie per la sua risposta.

Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

la cosa più saggia da fare è risentire il suo medico di fiducia e con lui rivalutare l'eventuale possibilità di accellerare la valutazione specialistica chiesta.

Nel frattempo, se desidera poi altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35780 .

Qui potrà trovare anche tutte le raccomandazioni date dal National Cancer Institute statunitense su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#5] dopo  
Utente 899XXX

Iscritto dal 2008
Gentili dottori,
riferisco l'esito della visita andrologica che ho sostenuto (privatamente) oggi.

-----------------
Testicolo destro mobile ocn epidimite destra.

Si consiglia:
- Ciproxin 500mg 1 cp x2 v. al dì per 6 giorni
- Nimesulide bustine 2 al giorno dopo i pasto

Tra un mese eseguire esame liquido seminale (spermiogramma).
----------------

Vi chiedo gentilmente di spiegarmi quali complicanze o eventuali problemi comporti l'avere un testicolo mobile e quali precauzioni dovrei adottare.
Inoltre se è corretto assumere questi farmaci considerando che attualmente soffro di MRGE con reflusso gastroesofageo e sono in trattamento con Esopral e Levopraid per il colon irritabile.

Alla mia domande posta al vs. collega ancdrologo se vi fosse una possibile correlazione tra i problemi che ho al colon e allo stomaco (ernia iatale con MRGE, intestino irritabile con stipsi e nausea) ma la risposta è stata no.

Anche qui chiedo un vs. parere.

Grazie anticipatamente e buon lavoro.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

a questo punto segua tutte le indicazioni ricevute dal collega in diretta.

A 42 anni un testicolo mobile non richiede se non una monitorizzazione nel tempo con il suo urologo.

Per i farmaci consigliati non ci sono particolari problemi se lei continua anche le terapie indicate per il reflusso e per il colon irritabile.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#7] dopo  
Utente 899XXX

Iscritto dal 2008
Chiedo Scusa per l'insistenza.
Ma dopo diversi mesi dall'ultimo consulto i dolori persistono in maniera costante anche dopo alcuni cicli di terapia antibiotica (ciproxin) ed antinfiammatori.
Il fatto che i linfonodi del collo siano doloranti e leggermente ingrossati può avere qualche connessione con il dolore al testicolo destro?
Visto che l'andrologo sostiene che si tratta solo di un problema di motilità io vi chiedo se invece possa sussistere una ipotesi di infezione, magari proveniente dall'intestino (visti i problemi collaterali che vi ho già descritto in precedenza), che causi tutto ciò?
Secondo voi a chi mi devo rivolgere?
Ho già effettuato diverse visite gastroenterologiche che mi hanno diagnosticato una intestino irritabile con dispepsia. Sono in terapia con omeoprazolo.
Grazie del vs. consulto. Cordiali Saluti.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

da questa postazione ci è veramente difficile fare le correlazioni da lei indicate e soprattutto capire bene cosa è successo.

In questi casi la cosa migliore da fare è sempre una attenta rivalutazione clinica diretta per comprendere il suo "problema" e poi impostare le necessarie nuove strategie terapeutiche.

A questo punto potrebbe essere utile una attenta rivalutazione clinica da parte di un esperto andrologo .

Un cordiale saluto.