Utente 105XXX
Buonasera,
nell'ennesima notte di sonno interrotta da un fortissimo attacco di orticaria, mi sono decisa a tentare questo consulto.
Ho 27 anni, e ormai da un mese abbondante ho attacchi di orticaria. Questi attacchi si manifestano principalmente la notte, così forti da svegliarmi dal sonno più profondo. Poichè non risulto essere allergica ad alcun elemento, vorrei sapere se indicando in modo più ampio la mia situazione ci possono essere altri esami da fare.
Sono una fumatrice, a causa di alcuni problemi dovuti allo stress mi è capitato di assumere molti farmaci negli ultimi anni e al momento sto terminando una cura fatta con efexor di 6 mesi. Ho letto nel foglio illustrativo che ci può essere lo 0,4% di casi di orticaria dovuta al farmaco, ma questo problema si presenta solo ora e non ho mai avuto disturbi dovuti al medicinale. La causa dello stress è pressochè esclusa, perchè sto vivendo un momento molto tranquillo e sereno della mia vita.
L'orticaria mi colpisce a braccia, gambe, inguine e collo con zone rosse in rilievo e molto pruriginose. Spesso la sensazione è di non avere sensibilità al tatto in queste parti, anche se mi gratto.
Non si riesce ad identificare quale possa essere la causa. Da qualche parte ho letto che potrebbe essere un problema legato alla tiroide, potrebbe valere la pena tentare l'esame?
Questo continuo prurito, che a intervalli riprende anche durante il giorno, e le poche ore di sonno mi stanno davvero facendo esaurire tutte le energie.
Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
Gentile Signora,
considerato che l'orticaria nell'adulto può dipendere da molteplici cause e considerato che le cause allergiche sembrano essere state escluse (ha fatto delle prove allergiche suppongo) e considerato ancora che l'allergia non è proprio tra i primi posti tra i sospetti nell'orticaria del tipo che ha descritto, le consiglierei sicuramente di approfondire il problema... come?... cominciare dalla tiroide è una buona idea ma consiglierei di indagare anche su eventuali infezioni che non hanno dato grosso segno della loro presenza e non trascurerei anche altre cause... lo stress e la sua condizione psicoemotiva le esclude?... può darsi che abbia ragione ma un fenomeno di somatizzazione è possibile... le consiglio comunque di rivolgersi ad un allergologo di sua fiducia che la guiderà nelle migliore maniera nell'evoluzione della vicenda...
Cordiali saluti