Utente 105XXX
inanzitutto buongiorno,sono stata operata al pollice per il dito a scatto 5 mesi fa ,il mio problema è che la parte esterna sembra perennemente sotto anestesia cioè poca sensibilita ma al tempo stesso se sfioro o tocco qualcosa ricevo delle cosidette scosse che fanno male,nella parte interna bassa poi noto come un bozzo qualcosa di duro al tatto, il dito inoltre al mattino sopratutto mi duole un po ed inoltre trovo difficoltoso stenderlo nel senso che sembra non arrivi alla fine ma ci sia qualcosa che lo ferma il chirurgo che mi ha operata dice che deve riaprirlo questa volta con sedazione e anestesia di tutto il braccio io sinceramente sono preoccupata perchè vorrei sapere che cosa puo essere e se è possibile che il mio dito torni ad essere "normale" mi hanno prescritto anche il nicetile che io ho preso ma francamente non è servito a niente aspetto una vostra risposta e vi ringrazio anticipatamente cordiali saluti



















normale

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Sarah Marchionni
24% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
potrebbe esserci un coinvolgimento del nervo, magari per una cicatrizzazione eccessiva. se non si risolve con la fisioterapia e la terapia farmacologica è necessario reintervenire.
[#2] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio, ma se ci fosse come dice lei un coinvolgimento del nervo forse nella cicatrizzazione con la revisone e cioè come dice il chirurgo con la riapertura è possibile che il mio dito ritorni ad essere quello di prima perchè ho paura che quando si toccano i nervi poi non sia più la stessa cosa ma parlo per sentito dire da perfetta profana.la ringrazio nuovamente un saluto
[#3] dopo  
Dr.ssa Sarah Marchionni
24% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
buona sera, la sensibilità generalmente torna come prima ma deve farsi vedere e intervenire, se necessario, rapidamente.