Utente 105XXX
Salve,
sono la mamma di due gemelline di 4 anni. A una bimba venerdì 13 marzo è comparsa una irritazione sotto l'ascella destra e immediatamente sotto la parte del tronco(limitatamente allo stesso lato)che gli procurava un forte prurito. Inizialmente non mi sono preoccupata più di tanto perchè sembrava una irritazione da sudore: l'ho lavata e gli ho dato la pasta fissan. La mattina dopo, le micro bollicine erano tutte seccate e il rossore era scomparso ma erano comparse delle micro bollicine sul dorso e tra le le dita delle mani (l'eruzione era limitata e localizzata) che davano alla bimba un lieve prurito. Ho contattato telefonicamente la pediatra (fino al 22/03 è in vacanza) per sapere come dovevo comportarmi. Mi ha detto di dargli il tinset mattina e sera per qualche giorno e di non fare altro. Premetto che fino a due giorni prima della prima eruzione la bimba ha avuto febbre con tosse e raffreddore. Il lunedì, vedendo che la situazione non migliorava, ho chiamato il dermatologo che mi ha fatto andare nel suo ambulatorio la sera stessa. Appena visto la bimba mi ha chiesti se aveva assunto farmaci e io gli ho detto di si: tachipirina 250mg in supposta , stodal, eltair soluzione nasale. Il medico mi ha detto che probabilmente la tachipirina aveva sensibilizzato la bimba verso fattori esterni a cui normalmente non ha mostrato sensibilizzazione; ha aggiunto che in futuro la bimba dovrà associare il tinset ad ogni farmaco che gli verrà prescritto o se farà una vaccinazione. La terapia : tinset per 15 gg e advantan crema fino a scomparsa dell'irritazione o dermatite. Ho chiesto se era ilcaso di fare tests allergologici ma miè stato risposto che ormai non servono a niente la bimba è un soggetto sensibile e punto. Ho domandato se dovevo chiedere alla pediatra di darmi un altro antiepiretico in sostituzione della tachipirina ma miè stato risposto di no. In pratica non ci ho capito nulla.Ho seguito, comunque, la terapia consigliata eliminando dopo due giorni l'advantan perchè alla bimba aumentava l'eruzione e il prurito; il tinset continuo a darlo ma allevia poco il prurito. Come pomata continuo a dargli il fissan e sto osservando una buona risoluzione del problema dermatologico. In questi giorni anche io ho avuto una manifestazione simile accompagnata da secchezza della pelle per il freddo: sono soggetta spesso a queste manifestazioni percui non ci faccio più caso, e da quando ho partorito mi sono scomparsi i geloni che ad ogni inverno non mancavano). Mi auguro possiate aiutarmi a capire cosa ha la mia bambina e indirizzarmi verso eventuali esami da fare.
Grazie e distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Non e' chiaro se l'eruzione cutanea si e' manifestata in condizioni di benessere o dopo un episodio febbrile che ha richiesto tachipirina.

Nel secondo caso potrebbe essere un comune esantema post-infettivo, non raro dopo forme virali.

Puo' anche essere una reazione a farmaci (tachipirina o qualunque altro) ma non e' affatto detto che sia una maledizione che la piccola si portera' dietro per sempre, puo' essere stato un episodio.

la spiegazione che si' da' e' che sono precipitazioni di immunocomplessi antigene-anticorpo dovuti a una iperproduzione episodica di anticorpi. Non ci sono analisi specifiche da fare e in generale ci si fa guidare dall'esperienza sulla possibilita' di provare a reintrodurre cautamente il farmaco sospetto.

A 4 anni e' piccola, la situazione immunologica e' fluida, nulla e' definitivo, io non farei niente.