Utente 806XXX
Gentili medici,
volevo sapere qual è secondo Voi la stadiazione TNM e Dukes di un tumore al colon destro con il seguente referto istologico:

Adecarcinoma intestinale scarsamente differenziato, infriltrante gli stromi connettivo-adiposi, peri-intestinali, il peritoneo e 2 dei 29 linfonodi analizzati. Nessuna documentabile proliferazione neoplastica nei limiti della resezione chirurgica e nella appendice vermiculare.

In seguito è stato sottoposto ad una serie di esami, fra cui la ricerca dei markes tumorali e una TAC con mdc cranio encefalica, addome completo e torace; fortunatamente tutti gli esami hanno avuto esito negativo.

Vi faccio questa domanda perché i medici che lo curano hanno espresso pareri diversi riguardo appunto la stadiazione e ci faceva piacere avere anche un punto di vista "esterno".

Vi ringrazio tanto per la Vostra disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Amuri
24% attività
0% attualità
12% socialità
GALLIPOLI (LE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
per quanto concerne la stadiazione pTNM (patologica) in base al referto anatomopatologico sopra indicato ci troviamo di fronte ad un pT4 (ovvero esteso agli organi o strutture adiacenti e/o perforante il peritoneo viscerale)pN1(ovvero da 1 a 3 linfonodi regionali con metastasi)ed un pMx (metastasi a distanza non valutabili) con una stadiazione secondo Dukes (modificata sec. Astler-Caller) C2 (esteso oltre la parete intestinale con metastasi ai linfonodi regionali) con uno stadio III (T4 N1 M0). Questo è quanto, comunque se ha bisogno di ulteriori chiarimenti sono disponibile. Mi tenga informato.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
Grazie!
Ma Mx non è in contraddizione con M0? La frase: "Nessuna documentabile proliferazione neoplastica nei limiti della resezione chirurgica e nella appendice vermiculare" non sta a indicare l'assenza di metastasi nei margini analizzati? E il numero di linfonodi interessati è importante ai fini della sopavvivenza libera da malattia? Scusi l'ansia e...grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Amuri
24% attività
0% attualità
12% socialità
GALLIPOLI (LE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
le metastasi a distanza vengono riferite ad organi appunto a distanza (ovvero fegato, polmone, ecc..) l'appendice vermiforme ed i margini di resezione chirurgica appartengono al pezzo operatorio analizzato (colon di destra). Per quanto concerne l'infiltrazione neoplastica dei linfonodi è ovvio che rientra nei cosidetti fattori prognostici sfavorevoli ma con questo non si deve allarmare o preoccupare oggi per fortuna con i progressi della chemioterapia (target therapy) si possono ottenere dgli ottimi risultati. Stia tranquilla e si affidi nelle mani di colleghi che sicuramente faranno del loro meglio per il suo caro. Mi tenga comunque sempre informato. Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
grazie tante...ho più risposte e speranze dai medici di questo sito che da quelli che curano il mio compagno. la aggiornerò volentieri.
[#5] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottore,
approfitto della Sua disponibilità per farLe ancora due domande.
La prima è questa: appurato che l'interessamento linfonodale è un fatto negativo, mi chiedevo se il numero dei linfonodi risultati positivi rispetto a quelli analizzati (nel caso del mio compagno 2 su 29) è indifferente o se e quanto è influente.
Inoltre volevo capire se con target therapy Lei intende l'uso dei biofarmaci come l'anticorpo anti VEGF (bevacizumab) e l'anticorpo anti EGFR (cetuximab); Le chiedo questo perché i medici che seguono il mio compagno non hanno previsto il loro utilizzo, visto che essi non sono di protocollo nella chemio adiuvante che lui sta facendo (FOLFOX IV per sei mesi).
Qual è la Sua opinione a riguardo?

Ancora tante tante grazie!
[#6] dopo  
Dr. Alessandro D'Amuri
24% attività
0% attualità
12% socialità
GALLIPOLI (LE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gentile utente, il numero dei linfonodi interessati anche se solamente due su 29 è influente come fattore prognostico sfavorevole; per quanto concerne la terapia credo che siano state fatte l'EGFR come immunoistochimica per valutare o meno se fare la terapia anti-EGFR, o un analisi mutazionale del gene K-ras. Inoltre credo che sia più corretto fornendo i dettagli sopra in merito rivolgere il consulto nella sezione di oncologia. Mi faccia comunque sapere. Cordialmente
[#7] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
bene....La ringrazio ancora!