Utente 105XXX
Buongiorno, nel luglio 2008 ho estratto i 4 ottavi inclusi in chirurgia maxillo-facciale; dopo la terapia antibiotica successiva all'intervento, non ho avuto alcun disturbo, ma ora, a distanza di 8 mesi, riscontro dolori all'orecchio sinistro - cosa che succedeva frequentemente prima di estrarre gli ottavi e che mi hanno assicurato sarebbe passato dopo l'estrazione. Per qUesto problema mi è stato prescritto clenil per areosol, la cosa si è ridimensionata ma ora ho ancora qualche residuo di dolore (tipo punture di spillo vicino al lobo) ma soprattutto un fastidio pesante a tutta la guancia sinistra, come fosse gonfia ed in tensione, con anche un senso di giramento di testa e difficoltà di messa a fuoco oculare, oltre a strano intorpidimento degli arti. Cosa potrebbe essere? Ora sto prendendo antiinfiammatori, ma tolgono il fastidio solo temporaneamente..sono molto preoccupata. Grazie mille

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo/ma Sig.re/ra,
la Sua sintomatologia non è specifica.
Le suggerisco di rivolgersi alla Struttura che ha erogato la prestazione chirurgica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Alberto Ricciardi
24% attività
4% attualità
12% socialità
TREBISACCE (CS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Salve.
La cosa migliore da fare, sarebbe di farsi visitare dallo Chirurgo stesso che l'ha operata.
Se questo non è possibile, un'accurata visita presso un "accreditato" Studio Odontoiatrico permetterebbe di iniziare un valido percorso diagnostico, che potrebbe comprendere:
Radiografia Panoramica,
ecografia della ghiandola paridode Sinistra,
eventuale TAC,
nonchè una visita "GNATOLOGICA"
per verificare lo stato della sua Articolazione Temporo-Mandibolare.
Ci tenga informati !
[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
In presenza di un'estrazione di un dente completamente incluso faccio un'approfondita visita gnatologica. Nel caso fossero presenti alterazioni (anche lievi) considero che il soggetto dovrà stare a bocca aperta a lungo facendo leva che si trasmette in maniera asimmetrica sulle articolazioni temporo-mandibolari. Non le modifiche del rapporto tra i denti, ma l'apertura forzata della bocca è responsabile secondo la mia esperienza del dolore. Io prima faccio il bite (se lo ritengo opportuno) poi levo i denti (o talvolta li faccio levare).
Saluti