Utente 106XXX
Salve, avrei bisogno di un consiglio per quanto riguarda un granuloma dentale che mi porto dietro ormai da 2 anni...
2 anni fa, durante un controllo periodico, la dentista trovò una carie abbastanza profonda sul premolare, quello subito dopo il canino.
Io volevo in tutti i modi evitare l'anestesia, e la dentista disse che era un lavoro che si poteva anche fare senza. Otturò il dente senza anestesia, non vi dico il male...comunque sia chiude il dente e torno a casa...
Dopo una settimana all'incirca, vedo una pallina bianca sopra a questo dente appunto.
Torno dalla dentista, che, con poco tatto, prende un'arnese e la fa "scoppiare" poi mi dice di prendere un antibiotico per una settimana. Durante la somministrazione dell'antibiotico la pallina se ne è andata, appena smesso è ricomparsa...
Ritorno da lei, la quale mi dice che c'è da fare una cura canalare., dicendomi che avrei pure potuto rischiare la morte!
Avendo il terrore di aghi e anestesie rimando, rimando, rimando,...poi mia madre mi convince ad andare dalla sua dentista, che toglie la medicazione della carie e prova a entrare in un canale del dente per ripulirlo, sentivo dolore e di fronte al mio rifuto di ogni tipo di anestesia, richiude provvisoriamente.
Ora, il problema è: io ho una paura incredibile di aghi, anestesie...quindi sono due anni che mi porto dietro questo granuloma con questa medicazione provvisoria, non mi da nessun tipo di problema nè di dolore, però mi sono accorta che sta progressivamente cambiando colore il dente, proprio dall'interno...essendo un premolare si vede anche abbastanza :(
Volevo chiedere:
- il dente che altre conseguenze potrebbe subire oltre lo "scolorimento"?
- esistono tipi di anestesia assolutamente indolori? Oltre agli aghi ho proprio il terrore di "assistere" all'intervento...mi dovrebbero addormentare totalmente!
So che sembra una mail stupida, ma ho veramente il terrore e tengo alla mia igiene dentale!!!

Grazie per le eventuali risposte e consigli che potrete darmi!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
lo scolorimento è dovuto ai pigmenti ematici e tissutali della polpa residua radicolare che non è stata asportata completamente, che hanno infiltrato il sistema dei canalicoli della dentina radicolare e coronale.
Le consiglio di sottoporsi alla terapia endodontica, che le permetterà di
- recuperare il colore naturale o quasi tramite tecnica si sbiancamento;
- ripulire e disinfettare il o i canali radicolari;
- eliminare il granuloma a livello dell'apice radicolare: le ricordo che nel frattempo potrebbe essersi sviluppata anche una piccola cisti, diagnosticabile comunque radiograficamente.

Probabilmente non sarà necessario effettuare anestesia, considerando che il dente è ormai completamente necrotico.
[#2] dopo  
56390

Cancellato nel 2011
gentile paziente,
il dente in questione ha bisogno una terapia canalare (devitalizzazione)il cambiamento di colore è espressione che la polpa dentaria sta subendo dei fenomeni di necrosi pertanto il dente si pigmenta di nero. Le ulteriori conseguenze sono la frattura della corona, la possibilità di ascessi, e poi più passa il tempo più potrebbe essere indaginoso lo sbiancamento del dente,in ultima analisi le ricordo che si porta dietro un dente che è un ricettacolo di batteri che possono allontanarsi dal dente per raggiungere organi e tessuti più "lontani" e quindi una propagazione dell'infezione.
E' possibile prima di praticare la puntura, mettere un pò di pomata preanestetica che anestetizza la mucosa e l'ago così è meglio tollerato.
Poi se proprio non vuole assistere alla cura in se, può richiedere una sedazione cosciente che si fa con l'anestesista in studio, però sinceramente mi sembra di sparare ad una mosca con un cannone.
Si fidi del suo dentista e tutto le sembrerà semplice.