Utente 972XXX
GENTILI DOTTORI
E' UNA 15A ANNI CHE SI MANIFESTA ALOPECIA AREATA NELLA ZONA DELLA BARBA, LA PRIMA CURA E' STATA OMEOPATICA ( TIPO DEI CALMANTI) DAL MIO MEDICO DI BASE E DOPO UN LUNGO PERIODO CON RIMANIFESTAZIONI MI E' SPARITA.
PREMETTO CHE TUTTI MI DICONO CHE E' CAUSATA DA STRESS,SUCCESSIVAMENTE, RICOMPARENDO SONO ANDATO DA UN DERMATOLOGO CHE MI INIETTAVA SOSTANZE A BASE DI CORTISONE DIRETTAMENTE NELL'AREA, ANCHE QUI DOPO UN LUNGO PERIODO MI SONO SPARITE ,SUCCESSIVAMENTE RICOMPARSE SONO RITORNATO DA UN' ALTRO DERMATOLOGO IL QUALE MI SPRUZZAVA AZOTO. QUESTA TERAPIA NON L'HO TERMINATA PERCHE' PREVEDEVA UNA 15A DI TRATTAMENTI.
DOPO UN LUNGO PERIODO DI ALTERNANZA DI MANIFESTAZIONI E SPARIZIONI DELLE ZONE AREATE, DI PRESSIONE LAVORATIVA, DI STANCHEZZA MARCATA, HO DECISO DI EFFETTUARE UNA VISITA NEUROLOGICA ABBINATA A DELLE SEDUTE CON PSICOLOGO CON ESITO DI UNA DEPRESSIONE (LIEVE).CONCLUSO IL PERIODO DI CURA LE AREE SPARISCONO MA BASTA FAR PASSARE ALCUNI MESI CHE RICOMPAIONO E MI RITROVO CON IL TONO DELL'UMORE ALTALENANTE, STANCHEZZA MARCATA,CONTINUI SBADIGLI ,ANSIA ....... TUTT' OGGI CONTINUO AD AVERLE PUR ESSENDO SEGUITO DAL NEUROLOGO.
ESSENDO UNA PERSONA ANSIOSA HO PROVATO ANCHE A CAMBIARE LAVORO, PENSANDO DI RISOLVERE IL MIO STATO EMOTIVO IL QUALE PENSO SIA CAUSA DELL' ALOPECIA, MI HANNO CONSIGLIATO DI PRATICARE DELLO SPORT (IN MODO DI SCARICARE LE TENSIONI DELLA GIORNATA) MA DEVO DIRE CHE NON HO SEMPRE IL TEMPO MATERIALE DI FARLO, IL MEDICO DI BASE MI CONSIGLIA DI FARE L' ESAME DELLA TIROIDE MENTRE IL NEOUROLOGO MI DICE CHE NON HO L'ASPETTO DI CHI NE SOFFRE.
IN CONCLUSIONE NON SO PIU' COME RISOLVERE IL PROBLEMA DELL' ALOPECIA ,A CHE RAMO DELLA MEDICINA MI DEVO INDIRIZZARE PRECISAMENTE, SE PUO' ESSERE CAUSATA DA DELLE ALLERGIE ...........
CORTESEMENTE ASPETTO RISCONTRO.............DISTINTI SALUTI.
[#1] dopo  
Dr. Marcello Stante
28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico
se trattasi di alopecia areata, essa è una malattia autoimmune nella quale il suo sistema immunitario non riconosce bene alcune componenti del follicolo pilifero aggredendole. secondo recenti teorie ma vecchi sospetti il sistema nervoso sicuramente influenza il decorso della patologia ed anche la sua insorgenza. tuttavia, lo specialista dermatologo è la figura medica che gestisce in primis la patologia avvalendosi (se il caso lo richiede) di altre figure professionali.
la gestione della malattia richiede vari tipi di intervento a seconda della gravità della malattia, la sua estensione e la resistenza ai trattamenti eseguiti.
cari saluti
Dr Stante