Utente 107XXX
Buongiorno,
Mio fratello, a seguito di una caduta, ha riportato una frattura scomposta del condilo mandibibolare. Il chirurgo del Reparto ci ha detto che la frattura dovrebbe esere trattata chirurgicamente ed ha prospettato due diversi tipi di intervento:
1) intervento con immissione di una vite (?? così ricordo) che dovrebbe favorire una più rapida saldatura della frattura ed avrebbe il vantaggio di un più rapido decorso post ospedaliero; ci è stato prospettato però fra i possibili rischi la lesione del nervo faciale;
2) intervento che bloccherebbe la mandibola con una specie di tutore (??) che il malato dovrebbe portare per circa 30 gg; mi è sembrato di capire che durante questi giorni l'apertura della bocca rimarrebbe molto limitata e si dovrebbe nutrirsi con l'ausilio di una cannula.
Mi rendo conto dela superficialità della descrizione, ma il tutto ci è stato descritto molto velocemente....
Ha lasciato a noi la scelta di quale intervento eseguire e noi non sappiamo che cosa fare; opteremmo per il primo intervento ma la possibile lesione del nervo faciale ci spaventa non poco....L'intervento è fissato per dopodomani...
Grazie a tutti per la eventuale risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gil Patrick Vismara
20% attività
0% attualità
0% socialità
BERGAMO (BG)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
mi spiace ma senza la possibilità di consultare gli rx effettuati è impossibile dare un consiglio. entrambe le opzioni prospettate sono possibili ed entrambe hanno aspetti in positivo e negativo. il consiglio che posso dare è di affidarvi alla esperienza del centro in cui siete e chiedere quale opzione ritengono più sicura.
Distinti Saluti

Dott. Gil Patrick Vismara
[#2] dopo  
Dr. Marco Rossi
20% attività
0% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
Ovviamente senza una diagnosi precisa, soprattutto di tipo radiologico, non è possibile dare un'indicazione precisa sul tipo di trattamento.
Attualmente il trattamento delle fratture del condilo mandibolare si articola secondo due principali modalità:
1. cosiddetto "funzionale" o chiuso oppure non chirurgico, che si basa sul bloccaggio intermascellare dapprima rigido, poi elastico e poi funzionale appunto. La letteratura comunque suggerisce di prendere in considerazione questo trattamento come seconda scelta
2. il trattamento chirurgico. Questo può essere "open" ovvero attraverso chirurgia attraverso la cute, con incisioni cioè a livello della faccia, con un rischio (più teorico che altro) di lesione al nervo facciale, peraltro nella maggior parte dei casi transitorio; oppure si può scegliere per un approccio di tipo ENDOSCOPICO. Con una piccola incisione in bocca ed una piccola telecamera si riesce infatti, purchè le condizioni della frattura lo permettano, ad identificare il condilo, ridurlo e a posizionare una o più placchette metalliche per contenere la frattura.
Spero di essere stato sufficientemente charo ed esauriente.
Cordialità
[#3] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Grazie, Grazie!!
Sono proprio queste le informazioni che avevamo bisogno di sapere...
[#4] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
Le è già stato risposto esaurientemente in merito alle modalità tecniche.
Dato che è stata lasciata possibilità di scelta, penso che dovreste richiedere un colloquio pre-operatorio, per una scelta veramente consapevole ed informata.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Durante il colloquio pre-operatorio il chirurgo ci ha poi detto che "vedendo megio la radiografia" le condizioni della frattura non permettevano di operare con un trattamento di tipo endoscopico e quindi si è proceduto con il bloccaggio intermascellare....