Utente 139XXX
Salve, a causa dei continui disturbi intestinali di cui ho già scritto mi è stato consigliato di fare un test per l'intolleranza al lattosio. Qualcuno può dirmi quale tipo di test è più attendibile ( mi hanno parlato di breath test all'idrogeno) e soprattutto dove potrei farlo in Campania visto che qui a Benevento non ho trovato nessuno che lo fa? Ho già fatto il rast test dal quale è risultata una leggera positività per tuorlo, albume e nocciola. Inoltre volevo chiedere se ci può essere un qualche legame tra i miei disturbi e il fatto che abbia una candida vaginale che curo, ogni volta che i sintomi si ripresentano, con 3 ovuli di Falvin e due compresse, a distanza di una settimana, di Diflucan.
Spero di essere stata abbastanza chiara e vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.
[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Egregia, per risolvere il problema della intolleranza al lattosio, senza andare a cercare le cose più strane e difficili, basta eliminare il latte, latticini freschi. Si può mentenere il parmigiano reggiano stagionato oltre i due anni, nella stagionatura, si vengono degradate le proteine del latte eil lattosio.
Ma, come le avevo scritto precedentemente, la cosa più importante è:
Bisogna chiarire inizialmente, la possibilità di una celiachia, infatti la negatività della sola , Anti-Transglutaminasi (0.2), non la esclude. La diagnosi di celiachia si basa su molti dati clinici e di laboratorio.
Nei dati di laboratorio gli anticorpi antiendomisio, transglutaminasi, gliadina, sono probanti ma se negativi, non escludono la diagnosi; l’espressione genica HLA classe I e II, se dimostra gli alleli DQ2-DQ8, è probante, ma in letteratura, vengono riportati anche la sola presenza del DQ, e altri alleli, pertanto in ogni caso va sempre studiato confrontando i dati della letteratura. Per la probabile associazione con altre patologie di natura anche autoimmune, è sempre bene valutare l’HLA completo. La gastroscopia con esame bioptico, è probante nel caso di positività, ma la sola colorazione ematossilina eosina, non può dimostrare la presenza dei linfociti intraepiteliali, che sono una dimostrazione certa, pertanto va eseguito il preparato congelato.
La diagnosi di celiachia è molto complessa e tutti i dati anamnestici, clinici, di laboratorio vanno analizzati, anche confrontandoli con la bibliografia internazionale.
Quindi la prima cosa da fare, è eseguire una tipizzazione HLA Classe i e II, ma deve essere completa, non solo a accertare la presenza del DQ--. Il fatto che lei veda residui alimentari di verdure, non è dimostrativo di una intolleranza vrso queste, perchè altri cibi mal digeriti, potrebbero non essere visibili. Una analisi del sistema delle mucose intestinali è importante, ma solo superficiale, come sono solo superficiali altre sostanze tossiche, la ricerca deve essere sempre più approfondita, indagando realmente lo stato del sistema immunitario. Sapere che lei ha una intolleranza al nichel o altre sostanze tossiche, oppure alla cipolla, pomodoro, ed altre 10 sostanze, costituisce solamente una piccola percentuale dei suoi disturbi. Bisogna accertare esattamente dove il sistema immunitario ha compiuto l’errore, per poterlo correggere. Infatti la VES è aumentata. Da qui bisogna partire e accertare esattamente la funzionalità del sistema immunitario. Le intolleranze sono importanti, ma costituiscono solamente una piccola parte del problema. Potrebbero sviare ccertamenti più approfonditi.
Come vede, basta intraprendere la strada giusta, senza cercare le cose più stravaganti, per cercare una intolleranza ad un alimento, a cui sono intolleranti il mille per cento delle persone.
Saluti
[#2] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Cara amica, mi associo ai suggerimenti del Collega al fine di perfezionare la diagnosi. Riguardo la candidosi, in attesa di meglio definire il Suo profilo immunitario, potrebbe assumere il seguente preparato immuno-isopatico:
* EXMYKEHL D3 SANUYM- 1 SUPPOSTA SERALE PER 10 GIORNI.
Saluti.
[#3] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2006
La ringrazio per avermi risposto ancora una volta......cercherò di fare l'HLA completo, come Lei mi ha gentilmente suggerito, e poi le comunicherò i risultati.....spero di poter guarire da questi malesseri che continuano ad intensificarsi e mi stanno rendendo la vita davvero difficile......Grazie ancora.
[#4] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Attendiamo aggiornamenti. A presto.