Utente 162XXX
Salve, sono un uomo di 40 anni e dal mese di aprile avverto un suono dalla parte posteriore della testa, non localizzabile direzionalmente dalle orecchie ma dall’interno, dalla nuca. Questo suono è acutissimo tipo quello prodotto dall’accensione di un cinescopio televisivo oppure come il sibilo emesso dalle tubature dell’acqua quando si apre un rubinetto, perdura per giorni e giorni e varia soltanto di intensità e comunque non disturba particolarmente l’ascolto, nel senso che mi angoscia e mi infastidisce solo se c’è silenzio; quando non sono solo o nel silenzio lo sento comunque ma viene sovrastato dall’ambiente esterno. Premetto chela prima volta è durato un mese continuo, tranne la scomparsa per soli alcuni giorni e poi è ripreso.
Ho effettuato una visita dall’otorino che mi ha confermato che trattasi di acufene e che non ho problemi acustici, il mio udito è a posto.
Fumo circa 15 sigarette al giorno e ho notato che quando accendo una sigaretta, dopo circa un minuto il suono aumenta particolarmente per poi riattenuarsi dopo circa 15 minuti.
Soffro di artrosi cervicale (4^, 5^ e 6^ vertebra) da circa sei anni; alcuni medici mi hanno detto che il mio disturbo non dipende dalla cervicale, altri mi hanno detto invece che potrebbe dipendere da essa. Solitamente i miei disturbi cervicali vanno e vengono e si risolvono con una bustina di nimesulide; in questo periodo, da aprile ad oggi, ho una situazione infiammatoria che non va via; inoltre ho anche avvertito dolori ai muscoli facciali e precisamente alla mandibola e alla mascella. Avverto inoltre un peso alla testa che parte dal collo quando l'acufene è più intenso, ma credo che sia lo stesso che ho sempre avvertito nei periodi di acutizzazione dell'artrosi cervicale, solo che per sei anni non avevo mai avuto disturbi "sonori" di questo tipo.
Vorrei precisare che il mio medico di famiglia mi prescrisse un ciclo di aerosol a maggio; dopo quel ciclo l’acufene scomparve e dopo un mese è ritornato.
Inoltre nel periodo indicato, ho effettuato una cura a base di IOSALIDE da 1g per sei giorni al mese per tre mesi (da febbraio ad aprile), perché ho una infezione delle vie urinarie e della prostata.
Credo di aver detto tutto, vi prego di aiutarmi perché questa situazione comincia ad angosciarmi e non saprei proprio da dove cominciare per poterla risolvere.
Nell’attesa di un vostro preziosissimo parere, anticipatamente ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2006
Salve,
ad oggi nessuno mi ha inviato un consiglio sul mio problema;
aspetto ancora con ansia una vostra risposta
grazie ancora