Utente 738XXX
Salve,
ho 30 anni, sono alto 180cm e peso 93 Kg e non fumo.
La settimana scorsa mi sono svegliato di notte tutto sudato e con un forte dolore (bruciore) in petto e il cuore mi batteva forte, mi sono alzato e la tachicardia è diminuita, dopo 10 minuti ritornado a letto è ritornata la tachicardia.
Il medico curante mi ha prescritto un elettrocardiogramma ed un'ecocardiogramma, tutti i valori sono nella norma.
Ha trovato la pressione un pò alta era 80 la minima e 160 la massima con 80 pulsazioni al minuto.
Mi ha consigliato di perdere qualche chilo e di prendere del Tenormin (un quarto di compressa al mattino) oggi la pressione è 75 la minina, 125 la massima e 64 pulsazioni al minuto.
Nel mio caso è consigliabile l'uso di farmaci per far scendere la pressione? o potevo iniziare solo con una dieta ? cosa mi consiglia ?
per quanto tempo dovrò prendere questa pasticca ?

grazie


P.s. ho fatto anche un'ecografia alla tiroide, tutti i valori sono nella norma.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Marilungo
24% attività
0% attualità
8% socialità
APRILIA (LT)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2002
Stefano, benvenuto.
Leggo che è in sovrappeso, ahi ahi. Dimagrire è il minimo che possa fare, magari usare anche poco sale da cucina, ridurre l'uso di formaggi, insaccati e salumi. Già questo l'aiuterebbe.
Le chiedo: soffre di stomaco o di ernia jatale? Magari è anche un po' emotivo?
Mi pare di capire che l'ecg e l'ecocardiogramma non abbiano fatto rilevare nulla di preoccupante. Fare anche un elettrocardiogramma da sforzo l'aiuterebbe a sapere se la sua è ipertensione "vera" oppure se i valori da Lei riscontrati non si siano elevati solo perchè impaurito da quello che Le è capitato.
Per riassumere: fare un ecg da sforzo
e verificare se non abbia problemi all'apparato digerente, che sò, con una gastroscopia. Successivamente, con l'aiuto dei medici, valutare se è il caso di seguire una terapia farmacologica e, se sì, di quale tipo.
Mi tenga al corrente.
Con cordialità
Marco Marilungo