Utente 107XXX
Salve a tutti,sono una ragazza di 24 anni e da circa 4 mesi soffro di una lieve forma di acne situata nella parte bassa delle guance e sul mento.
Non ho mai avuto problemi di questo genere,bensì sempre una pelle liscia e senza imperfezioni.
Tale forma di acne è comparsa subito dopo l'assunzione della pillola del giorno dopo presa,appunto,circa 4 mesi fa.
Ho fatto una visita ginecologica negli ultimi giorni,nella quale mi è stato diagnosticato un ATTEGGIAMENTO MICROCISTICO all'ovaio sinistro,mentre il destro è regolare. La ginecologa mi ha rassicurata dicendomi che il problema è molto lieve,ma dati gli sfoghi sul viso,mi ha prescritto di fare le analisi per controllare i valori ormonali (che sono purtroppo ancora in attesa di fare,in quanto devo attendere dei giorni specifici del ciclo mestruale) e valutare se sia il caso o meno di intraprendere una cura ormonale (immagino mediante la pillola anticoncezionale).
Sono stata anche da un dermatologo,che oltre a prescrivermi delle creme(ISOTREXIN GEL la sera; SCHINOREN CREMA al mattino; BALTA DUE SAPONE per detergere e acidificare leggermente il ph della pelle) mi ha preannunciato la possibilità di una cura ormonale con pillola anticoncezionale DIANE(dato l'esito della visita ginecologica),rimandando ovviamente tale decisione alla ginecologa.
Vorrei chiedere se è effettivamente possibile che la pillola del giorno dopo mi abbia in qualche modo innescato uno squilibrio ormonale,che prima evidentemente non avevo (perché non ho mai avuto di questi problemi),e se potrò curarli in maniera risolutiva attraverso una cura ormonale.
Ringrazio anticipatamente coloro che mi risponderanno,cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
la diagnostica ormonale è ovviamente importante, e condizionerà certamente l'eventuale uso di antiandrogeni, che vengono comunemente prescritti per queste forme, una volta verificato il nesso causale.
Non imputerei alla norlevo tutto ciò; è possibile che si sia trattato di una situazione preesistente, slatentizzata.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimo dott. Griselli,
La ringrazio per la sua risposta tempestiva.
Se mi è concesso,vorrei porle un ultimo quesito: data la mia acne non grave (tant'è che il dermatologo non ha ritenuto oppurtuna nessuna cura di tipo orale, bensì soltanto topica ), vorrei chiederle se per curarla necessito comunque di una pillola anticoncezionale così forte,quale la pillola DIANE, o se potrò risolvere il problema mediante un anticoncezionale più leggero.Mi spiego meglio, la scelta dell'anticoncezionale (perchè da quanto ho potuto capire in ciò si concretizza la cura ormonale) è relativa al problema ormonale,oppure alla gravità dell'acne???
Non le nascondo che mi spaventano non poco gli effetti collaterali della pillola DIANE,anche se so che le "conseguenza" sono soggettive.
Grazie per il suo tempo dott. Griselli.
Cordiali saluti, Alessandra.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Se si riscontra la necessità di un antiandrogeno, per bloccare i recettori, il ciproterone acetato (nel Diane) è ancora un punto fermo per molti.
Se si utilizzano altri anticoncezionali, a volte, come ho più volte scritto , capita che vi siano effetti androgenizzanti(vedi prec.post).
Quindi:
Se si vuole anticoncezionale puro meglio le pillole di ultima generazione.
Se si vuole curare la pelle,e non si cerca l'effetto anticoncezionale come indicazione principale, meglio riflettere su ciò che ho appena detto.
Sottolineo che il Diane è utilizzato da 30 anni e più , ed io lo considero sicuro e maneggevole, fermo restando i normali accorgimenti ed esami preventivi.
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Capisco...
La ringrazio nuovamente per il suo tempo,è stato gentilissimo.
Cordiali saluti,Alessandra.