Utente 168XXX
Ho effettuato uno spermiogramma e mi è stato riscontrato un numero di spermatozoi pari a 2.000.000 per ml. Allo stesso tempo mi è stato detto che è un fatto genetico e quindi che vi sono pochissime possibilità di procreare.
Io vorrei effettuare altre analisi onde eventualmente individuare le cause di questa oligospermia ed eventualmente poter risolvere il problema. A tale proposito vorrei sapere se è utile e comunque dove e come cominciare. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
direi che il suo è l'atteggiamento giusto ovvero andare a fondo e cercare di capire le cause, se vi sono.
Due milioni di spermatozoi/ml sono oggettivamente pochi e una gravidanza, spontanea ovviamente, è un pò improbabile ma non è detto che sia genetico; potrebbe essere una dispermia acquisita cioè secondaria a patologie dell'apparato riproduttivo.
Si faccia seguire da un Andrologo che, a mezzo di visita, ulteriori spermiogrammi, esami ormonali, genetici e strumentali potrà capire se tale situazione è correggibile o meno.

Un sincero augurio
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 16343,

indubbiamente con tali valori dello spermiogramma, le possibilità di procreare sembrerebbero abbastanza limitate.
Si faccia vedere in un centro serio efaccia le indagini necessarie a precisare la sua reale situazione e le eventuali cause
se vuole, contatti il Centro di via Paolo de Granita, 32 089.253146, a mio nome
mi tenga informato
cari saluti
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
spero che raggiungere una diagnosi dello stato di infertilità che Le è stato riscontrato sia un desiderio, oltre che Suo, anche del Collega che La sta seguendo clinicamente.
Si faccia consigliare da lui a proposito di esami e controlli da effettuare. Se proprio il Collega non sapesse che pesci pigliare (cosa che non mi pare), potrebbe rivolgersi agli ambulatori Andrologici di una Struttura qualificata Universitaria od Ospedaliera.
La situazione merita molta attenzione, prima di trarre conclusioni affreettate.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO